Qualcuno ha informato i catanesi che dovranno pagare 160 milioni di euro all’anno?

Qualcuno ha informato i catanesi che dovranno pagare 160 milioni di euro all’anno?
27 luglio 2018

Ce lo chiediamo perché a tanto ammonta la rata del mutuo che il Comune di Catania dovrà contrarre con lo Stato per sanare il ‘buco’ di un miliardo e 600 milioni di euro. Sono soldi che dovranno tirare fuori i cittadini catanesi con un aumento delle imposte e delle tasse comunali. Sono stati avvertiti? I ‘casi’ dei Comuni di Messina e di Palermo

La legge, in caso di dissesto finanziario di un Comune, è chiara: lo Stato presta i soldi per sanare il ‘buco’ di bilancio, un prestito da restituire in un arco di tempo che può arrivare fino a dieci anni. Dando per scontato che il Comune di Catania, dovendo rimediare a un ‘buco’ di un miliardo e 600 milioni di euro (COME POTETE LEGGERE QUI) i dieci anni disponibili se li prenderà tutti, la rata annuale dovrebbe essere pari a 160 milioni di euro.

La domanda è una: il Comune di Catania, o meglio, i quasi 312 mila abitanti della Città Etnea sono in grado di sostenere tale sforzo?

Ce lo chiediamo perché Catania, come Palermo, è una città che, negli ultimi anni, è andata sempre più impoverendosi.

All’impoverimento di tanti cittadini catanesi, negli ultimi sei anni, si è associato l’impoverimento dei Comuni. Ricordiamo che negli anni del Governo regionale di Rosario Crocetta – Governo a trazione PD – il Fondo regionale per le Autonomie locali (sono i fondi che la Regione eroga in massima parte ai Comuni e in minima parte alle ex Province) è stato ridotto da oltre 900 milioni di euro all’anno a poco più di 300 milioni di euro all’anno.

Questi 300 milioni di euro all’anno o giù di lì vanno divisi tra i 390 Comuni dell’Isola. Se segnaliamo questo dato lo facciamo non soltanto per dare ai nostri lettori il quadro della situazione generale, ma per sottolineare il fatto che i cittadini di Catania, in due anni, dovrebbero pagare una somma che è addirittura superiore a due annualità del Fondo regionale per le Autonomie locali. E questa è un’assurdità per un Comune come Catania.

Se facciamo quattro conti, nemmeno con rate trentennali il mutuo, per i cittadini catanesi, diventerebbe ‘digeribile’: perché la somma da pagare si attesterebbe intorno a 55 milioni di euro all’anno: cifra, a nostro modesto avviso, sempre spropositata.

Possiamo definire i cittadini di Catania incolpevoli? Decisamente, no. Perché alla fine degli anni ’80 del secolo passato, quando Enzo Bianco era sindaco della città e il Comune iniziava ad indebitarsi, lo stesso Bianco godeva di popolarità.

La stessa cosa dobbiamo dire dei sindaci del centrodestra, con in testa Umberto Scapagnini. Anche questi sindaci – che hanno continuando ad indebitare il Comune – godevano di grande popolarità.

E popolare è sempre stato Enzo Bianco, quando cinque anni fa è tornato a ricoprire il ruolo di sindaco.

Affermare che i cittadini non hanno responsabilità sul bilancio con i ‘buchi’ del Comune di Catania non risponde a verità. Perché i catanesi, almeno in maggioranza, si sono sempre identificati con i sindaci.

Se ne deduce che il nuovo sindaco di Catania, Salvo Pogliese, non ha alcuna responsabilità sul disastro che ha trovato nei conti, non altrettanto può dirsi per la sua parte politica – il centrodestra – che di responsabilità, invece, ne ha tante.

Non va meglio a Messina. Dove il nuovo sindaco, Cateno De Luca, avrebbe trovato un ‘buco’ di bilancio pari a circa 60 milioni di euro.

Per i cittadini messinesi la rata da pagare, se si dovesse decidere di andare verso il dissesto finanziario (per ora il Comune di Messina è in pre-dissesto, COME POTETE LEGGERE QUI), non sarebbe leggera: circa 60 milioni di euro all’anno: cifra a nostro modesto avviso improponibile per i circa 235 mila abitanti della Città dello Stretto.

Tra l’altro, a differenza di Pogliese, che è sempre stato un esponente del centrodestra, Cateno De Luca è sempre stato un battitore libero: e non possono essere caricate su di lui le responsabilità politiche dei conti ballerini del Comune di Messina.

E Palermo? Questa è una bella domanda. Questo blog, sulla situazione finanziaria del Comune di Palermo, ha scritto con dovizia di particolari (QUI UNA NOSTRA INCHIESTA DEL FEBBRAIO DELLO SCORSO ANNO).

A nostro modesto avviso la situazione finanziaria del Comune di Palermo è molto più grave di quanto si cerca di fare apparire. O meglio, di come cerca di farla apparire l’attuale Amministrazione comunale di Leoluca Orlando.

A dir la verità, il gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle, con in testa il capogruppo Ugo Forello, ha più volte stigmatizzato la gravità della situazione.

Sempre a nostro modesto avviso la gravità della situazione finanziaria del Comune di Palermo non viene fuori perché non c’è chiarezza tra i conti del Comune e quelli delle società collegate allo stesso Comune.

Da qualche tempo è in atto un gioco delle parti – si chiama “disallineamento” – con le società collegate che dicono di essere creditrici di certe somme dal Comune e le mettono in entrata; e il Comune che le contesta e non mette tali somme in uscita.

In un Paese serio dovrebbe intervenire un soggetto ‘terzo’ e dire: signori, chi è che è debitore e chi è che è creditore? Perché i soldi – soprattutto se si tratta di fondi pubblici – in un bilancio di una società comunale e nel bilancio del Comune o ci sono o non ci sono.

Ma questo riguarda un paese serio…

Ultime due notazioni.

Prima notazione. Qualcuno ha mi calcolato – facciamo negli ultimi tre anni – a quanto ammontano i debiti fuori bilancio dei Comuni di Palermo, Catania e Messina?  Qualcuno ne ha mai controllato la genesi, andandoli a verificare, uno per uno, segnalando le eventuali anomalie?

Seconda notazione. E’ un caso che i Comuni di Palermo, Catania e Messina siano tra gli ultimi, in Sicilia, in materia di raccolta differenziata dei rifiuti? Sul totale dei debiti accumulati da questi tre Comuni a quanto ammontano le spese sostenute per le discariche?

Foto tratta da buonenotiziedallasicilia.tv

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti