Luigi Di Maio verrà in Sicilia per affrontare le questioni Formazione e Sportelli

Luigi Di Maio verrà in Sicilia per affrontare le questioni Formazione e Sportelli
13 luglio 2018

E’ in Sicilia che il vice Presidente del Consiglio e Ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, aprirà il tavolo di crisi per affrontare la questione di questi circa 8 mila lavoratori con il Governo regionale e con le parti sociali. A questo punti i vari Nello Musumeci, Roberto Lagalla e Mariella Ippolito dovranno giocare a carte scoperte: l’esatto contrario di quello che hanno  fatto finora 

Il vice Presidente del Consiglio e Ministro del Lavoro e delle Attività produttive, Luigi Di Maio, verrà in Sicilia per affrontare con il Governo regionale e con le parti sociali la questione dei lavoratori della Formazione professionale e degli Sportelli multifunzionali. Questo, in estrema sintesi, il ‘succo’ dell’incontro che si è svolto stamattina, a Roma, tra una delegazione di lavoratori di questi due settori della Sicilia e il già citato vice premier, Di Maio.

“Sì, il Ministro Di Maio ha detto che al primo appuntamento verrà lui – ci dice Sandro Cardinale, dell’Unione Sindacale di Base (USB) Confederale della Sicilia -. Dopo delegherà alcuni suoi collaboratori, anche se ci ha assicurato che seguirà personalmente la vertenza. Al primo appuntamento vuole essere presente perché vuole guardare negli occhi i suoi interlocutori”.

Brutte notizie, insomma, per il Presidente della Regione, Nello Musumeci, e per gli assessori alla Formazione professionale e al Lavoro, rispettivamente, Roberto Lagalla e Mariella Ippolito.

Questo blog ha scritto tante volte come stanno le cose: a parole i politici siciliani dicono che debbono tutelare i lavoratori rimasti disoccupati. Nei fatti, però, l’operazione in corso è un’altra, anche se portata avanti in stile ‘gesuitico’.

Sulla Formazione i ‘capi’ degli enti che partecipano al ‘Bando a Catalogo’, con l’avallo del Governo regionale che finge di non essere d’accordo, devono effettuare nuove assunzioni; lo stesso discorso vale per i lavoratori degli ex Sportelli multifunzionali, che dovrebbero essere sacrificati per fare posto a una gestione privata delle politiche del lavoro.

Con la mossa di Di Maio, però, come si direbbe dalle nostre parti, Musumeci, Lagalla e la signora Ippolito “hanno picca ‘i sturiari“: perché un conto è prendere in giro 8 mila lavoratori – come ha fatto il passato Governo regionale di Rosario Crocetta e come sta facendo l’attuale Governo Musumeci – altra è ben diversa cosa è trattare con un Governo nazionale che ha a che fare con una Regione siciliana semi-fallita: una Regione che con l’attuale esecutivo nazionale non si può permettere di babbiare…

Se fino ad ora – per gli ex sportellisti – c’è la legge, ci sono i soldi, ma tutto è fermo pa ‘a pigghiata pi fissa operata dal Governo Musumeci nei riguardi questi questi lavoratori; se per i lavoratori della Formazione c’è l’elenco dei disoccupati dal quale attingere per le nuove assunzioni: elenco che nessuno rispetta; insomma, se finora la presa in giro ha funzionato, Musumeci e compagni si possono levare dalla testa l’idea di scaricare su Roma il dramma di questi lavoratori siciliani.

Perché Di Maio – che sarà pure ragazzo, ma non è fesso – è con loro, cioè con Musumeci, con Lagalla e con la assessora Ippolito che vuole parlare: è con loro che tratterà la questione, parlando anche del Fondo di garanzia per sostenere i lavoratori, ma parlando anche del futuro in Sicilia di questo personale.

“Di Maio ha dato la propria disponibilità – ci dice ancora Cardinale -. Noi, da parte nostra, gli abbiamo spiegato come stanno le cose: che in Sicilia i vari Governi hanno disatteso e continuano a disattendere la legge regionale n. 24. Che ci sono precise responsabilità politiche e non soltanto politiche che noi non abbiamo dimenticato”.

Sulla stessa lunghezza d’onda Costantino Guzzo, il battagliero responsabile dell’USB Formazione professionale della Sicilia:

“Il Ministro Di Maio è stato sintetico e incisivo. E ci ha detto che aprirà un tavolo con la Regione siciliana e le parti sociali. L’obiettivo è farci tornare al lavoro. Tutti”.

“E’ andata benissimo – aggiunge Adriana Vitale, ex sportellista, da sempre in prima fila nella battaglia per riottenere il lavoro -. Il Ministro Di Maio verrà in Sicilia per affrontare la questione personalmente”.

Ad Adriana Vitale non possiamo non chiedere cosa ha detto il Ministro Di Maio sulle politiche del lavoro:

“Ovviamente è molto interessato, sia perché se ne occupa il suo Ministero, sia perché tiene tanto al Reddito di cittadinanza, che postula il funzionamento dei Centri per l’impiego. A noi ha detto che ha tutto l’interesse a recuperare e rimettere al lavoro il personale di esperienza. Si è parlato anche di ‘spacchettamento’, ovvero della possibilità di utilizzare i lavoratori in altri settori. Noi non possiamo che essere contenti”.

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti