Il mistero della discarica di Camastra (e i misteri dei rifiuti speciali in Sicilia)

Il mistero della discarica di Camastra (e i misteri dei rifiuti speciali in Sicilia)
28 giugno 2018

A scoprire questa ennesima vergogna, ancora una volta, è stata la magistratura che si è sostituita a una politica imbelle. Possibile che le autorità regionali, provinciali e comunali non sapessero nulla del fatto che grandi gruppi economici nazionali portavano a Camastra, piccolo centro dell’Agrigentino, rifiuti speciali che nessuno voleva? Quante altre Camastre sconosciute ci sono ancora in Sicilia?

Camastra è un piccolo paese della provincia di Agrigento di poco più di duemila anime. Si trova a due passi da Naro, da Campobello di Licata e da Palma di Montechiaro. La storia, che forse per metà è leggenda, vuole che questo piccolo centro sia stato fondato dalla famiglia Lucchesi Palli che una tradizione fa risalire al re longobardo Desiderio. Storia e leggende a parte, se ne scriviamo è per raccontare una vicenda ancora oggi per molti versi misteriosa: sì, il mistero della discarica di Camastra.

Agrigento è una provincia dai tanti volti. Tra la fine degli anni ’90 e i primi anni del 2000 in Sicilia era tra le prime per la raccolta differenziata dei rifiuti. Poi è diventata ‘importante’ perché una discarica pubblica – la discarica di Siculiana – prima è diventata privata (per la precisione, di proprietà della famiglia Catanzaro) e poi è diventata una delle più grandi discariche della nostra Isola.

Ma se la discarica di Siculiana è finita spesso sui giornali, poco o nulla si sa – a parte la recente inchiesta della magistratura – della discarica di Camastra.

A fare luce su questa incredibile vicenda, tanto per cambiare, non è stata la politica siciliana, ma la magistratura e, per la precisione, la Direzione Distrettuale Antimafia (DDA) di Palermo con l’inchiesta denominata “Sepoltura”.

Già, sepoltura, perché, come vedremo, nel silenzio generale, a Camastra, non si sa bene per quanti anni, venivano sepolti i rifiuti grandi imprese da tutta l’Italia. Nel silenzio generale – la storia è questa – questo piccolo lembo della nostra Isola era diventato un particolarissimo immondezzaio italiano: particolarissimo perché nel sottosuolo della discarica di Camastra finivano rifiuti speciali che nessuno voleva!

Rifiuti che arrivavano da grandi imprese italiane pubbliche e private. Incredibile ma vero: con la connivenza di alcuni siciliani – e con la politica siciliana che non vedeva, non sentiva e non parlava – i rifiuti pericolosi del Belpaese finivano a Camastra!

Le indagini sono cominciare nel 2014. Sono stati i tecnici del Nucleo operativo ecologico di Palermo e, successivamente, la Polizia giudiziaria che, venuti a conoscenza del via vai di mezzi gommati carichi di rifiuti dalle parti di Camastra, si sono posti la logica domanda: perché gruppi economici così importanti spendono un sacco di soldi per trasportare i propri rifiuti in un angolo sperduto della Sicilia?

Trovare la risposta non è stato difficile: perché avevano trovato un luogo che accettava tutti i rifiuti indesiderati (leggere rifiuti speciali). A Camastra – queste le conclusioni a cui sono giunti gli inquirenti – i rifiuti speciali venivano classificati come non speciali e venivano interrati.

Toccherà agli inquirenti stabilire se l’alterazione di questa analisi ci sia stata e se, ad alterare tali analisi, siano stati dei siciliani che, per fare piccioli (leggere soldi), non hanno esitato a inquinare questo angolo della Sicilia. Insomma, toccherà alla magistratura stabilire se ci sono stati ascari anti-ecologici… 

Quello che in questa fase possiamo dire è che il danno per l’ambiente, secondo il Tribunale di Palermo “era ed è potenzialmente elevatissimo” (così si legge nel decreto di sequestro preventivo firmato dal giudice Antonella Consiglio).

Gli indagati sarebbero un cinquantina. Tra questi anche nomi e società ‘eccellenti’.

Non sappiamo come finirà questa inchiesta. Ma un fatto appare certo: il mistero che aleggia su questa discarica. Infatti: da quanti anni era funzionante? Al Comune di Camastra non sapevano nulla? Nemmeno l’ex provincia regionale di Agrigento sapeva nulla? Anche l’amministrazione regionale – con riferimento al dipartimento Acque e Rifiuti e all’assessorato regionale al Territorio e Ambiente – non sapevano nulla?

Dobbiamo dedurre che, in Sicilia, un qualunque soggetto può svegliarsi una bella mattina e decidere di sotterrare rifiuti speciali che nessuno vuole, magari invitando i grandi gruppi economici nazionali?

Se non fosse intervenuta la magistratura il gioco sarebbe continuato?

Camastra è l’unica discarica della Sicilia dove vanno in scena queste vergogne o ce ne sono altre che la magistratura non ha ancora scoperto?

Foto tratta da improntaunika.it

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti