Si andrà al voto o tenteranno di perdere altro tempo sfruttando l’asse PD-Berlusconi?

Si andrà al voto o tenteranno di perdere altro tempo sfruttando l’asse PD-Berlusconi?
27 maggio 2018

Di fatto, bloccando la nomina a Ministro dell’Economia di Paolo Savona, inviso ai tedeschi e agli ‘europeisti’, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha fatto saltare il possibile Governo grillini-leghisti. Le elezioni dovrebbero essere dietro l’angolo. Ma non si può escludere il ‘colpo di coda’ della vecchia politica che potrebbe fare perno su PD, Berlusconi e ‘mercato’ dei possibili ‘mercenari’   

Ormai, dopo tutto quello che sta succedendo, ci aspettiamo di tutto. Il braccio di ferro tra il Quirinale da una parte e Lega e Movimento 5 Stelle dall’altra parte si è concluso con la rottura. Leghisti e grillini non hanno ceduto sull’incarico di Ministro all’Economia per Paolo Savona, sul quale ha posto il veto la Germania.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella – che ha posto il veto sul nome di Paolo Savona – cerca di parare la ‘botta’ delle inevitabili polemiche dicendo di non aver ostacolato il Governo, ma di aver difeso il risparmio degli italiani…

Di fatto – questo è un dato oggettivo – il presidente Mattarella si è opposto alla nomina di Paolo Savona a Ministro dell’Economia. A questo punto la rottura è diventata inevitabile, perché, se avessero ceduto, i leader del Movimento 5 Stelle e della Lega avrebbero perso la faccia.

Non è riuscito il tentativo – in verità un po’ squallido – di dividere grillini e leghisti. Con la solita informazione pronta ad ammiccare a possibili diversità di vedute tra Luigi Di Maio e Matteo Salvini: il primo ‘tiepido’ su Savona, pronto a cedere; e i leghisti pronti ad andare fino in fondo.

In realtà, come ormai capita spesso, la vecchia politica e le sue tante fanfare hanno sbagliato analisi e perso anche questa partita: grillini e leghisti sono rimasti uniti e, insieme, hanno tenuto la barra del timone dritta.

Dopi di che, Giuseppe Conte – che avrebbe dovuto dare vita al Governo, ha rimesso il mandato. La parola, adesso, torna al presidente della Repubblica. Del resto, finora, ha fatto tutto lui: se il presidente Mattarella ha fatto bene o male, questo lo dirà il futuro (a prescindere, naturalmente, dall’analisi sui poteri che ha esercitato, secondo alcuni correttamente, secondo altri, no).

Che succederà, adesso? Movimento 5 Stelle e Lega hanno già chiesto il ritorno alle urne. Ma conoscendo la vecchia politica italiana – soprattutto con Berlusconi che, guarda che caso, è tornato ‘candidabile’ giusto in questo rovente momento politico – non possono essere esclusi ‘colpi di coda’.

Ricordiamoci che PD e Forza Italia non hanno alcun interesse a tornare al voto. Ricordiamoci che il partito Democratico ormai è in caduta libera, come dimostrano i risultati elettorali in Val d’Aosta, segnato ancora da polemiche e da probabili scissioni.

Non va meglio a Forza Italia. Berlusconi va dicendo in giro che, con la sua faccia, Forza Italia guadagnerà voti. Ma l’aria che tira – soprattutto dopo la prova di forza contro la Germania e contro Mattarella – dà in netta crescita la Lega.

Di fatto, l’irrigidimento del presidente Mattarella e le ingerenza odiose della Germania consegnano all’Italia il Movimento 5 Stelle e la Lega come i difensori della sovranità nazionale.

Mentre Berlusconi e quello che resta del PD sono finiti all’angolo.

Insieme, sì e no, queste due forze politiche arrivano al 32-33%: ma dietro hanno i poteri forti che – ormai è chiaro – hanno poco o nulla a che spartire con l’Italia.

La Germania è lì: in queste ore la stampa tedesca ha attaccato a testa bassa i “populisti” italiani. Oltre ai tedeschi ci sono Unione Europea e multinazionali.

Cosa vogliamo dire? Semplice: che non escludiamo un tentativo, da parte della vecchia politica sostenuta dai poteri forti, di dare vita a un Governo.

Con molta probabilità, la strategia, peraltro molto banale, dovrebbe essere la seguente: verrà nominato il Presidente del Consiglio che dovrebbe guidare l’Italia a nuove elezioni che, per prendere tempo, potrebbero essere fissate a settembre, meglio se a ottobre.

Dopo di che, una volta in carica, si aprirebbe il ‘suk’ per cercare di ‘acquisire’ parlamentari di camera e Senato alla ‘causa’. E lì dovranno essere bravi gli esponenti del Movimento 5 Stelle e della Lega non tanto e non soltanto a tenere uniti i propri parlamentari, ma a creare, fuori dal Parlamento, una battaglia sociale dai toni accesi.

La partita non si giocherà dentro il Parlamento, ma anche – e forse soprattutto – fuori dal Parlamento.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti