Musumeci: “Vi stupiremo”. Disse così anche Miccichè di Cammarata. E Sgarbi? Vola via…

Musumeci: “Vi stupiremo”. Disse così anche Miccichè di Cammarata. E Sgarbi? Vola via…
30 novembre 2017

Fateci caso: nelle foto di presentazione della nuova Giunta dovrebbero essere tredici, ma sono in dodici perché Vittorio Sgarbi è andato via per impegni, supponiamo più importanti. Musumeci ha voglia di un “profilo basso”. Lapsus freudiano?

Si comincia con una foto in dodici che campeggia nei giornali. Dovrebbero essere tredici: il presidente della Regione, Nello Musumeci, e i dodici assessori. Invece sono dodici: manca Vittorio Sgarbi che dà subito un tocco tutto suo: aveva un impegno altrove, di certo più importante del primo giorno della Giunta siciliana: un aereo lo attendeva: dove il maggiore c’è, il minore cessa…

Prima di andare via il critico d’arte-assessore ai Beni culturali si è concesso ai giornalisti con il solito affondo sulle pale eoliche:

“Abbatteremo le pale eoliche che non funzionano. Carlo Rubbia sarà il commissario delegato”.

E’ una notizia: da oggi ad essere antiestetiche non sono tutte le pale eoliche disseminate per la Sicilia, ma solo quelle che non funzionano. Insomma, Sgarbi in veste governativa fa lo sconto.

Non ci è chiaro, invece, il ruolo del premio Nobel per la Fisica, Carlo Rubbia: verrà in Sicilia a controllare il funzionamento dell’eolico?

Altra ‘sgarbata’:

“Creerò la figura di un commissario per le Arti del Mediterraneo, un’autorità della bellezza che affiderò a un grande nome del calibro di Renzo Piano”.

A onor del vero, Franco Battiato, quando cinque anni fa venne nominato assessore da Rosario Crocetta, disse cose più interessanti e non scappò in aereo.

Il presidente Musumeci, invece, inizia con una tautologia:

“Questa Giunta vuole mantenere un profilo basso”.

Mettendosi nelle mani di Gianfranco Miccichè e di Raffaele Lombardo che ‘profilo’ politico pensava di dare al suo Governo se non quello basso?

Dopo di che il nuovo presidente della Regione ha precisato:

“Vi stupiremo, ma vogliamo parlare con i fatti, anche in questo vogliamo rimarcare il cambiamento”.

Il “cambiamento” con Miccichè, Lombardo e Gaetano Armao, già assessore del Governo regionale dello stesso Governo di Raffaele Lombardo?

Però, se la dobbiamo dire tutta, non siamo rimasti colpiti dal “cambiamento” annunciato da Musumeci: siamo rimasti invece molto colpiti dal “Vi stupiremo”: è la formula con la quale, nel 2001, Gianfranco Miccichè presentò ai palermitani l’allora candidato sindaco, Diego Cammarata: e infatti, ancora oggi, tutti stupiti sono gli abitanti del capoluogo siciliano: stupiti dal ricordo di Cammarata sindaco e, soprattutto, dal fatto di trovarsi in mezzo ai piedi ancora Miccichè…

Su Live Sicilia troviamo una dichiarazione ‘dotta’ del neo assessore all’Istruzione e Formazione professionale, Roberto Lagalla, già rettore dell’università di Palermo:

“Dobbiamo creare un unicum tra formazione e istruzione per tendere al risultato, il massimo incremento dell’occupazione giovanile”.

Dunque unicum di formazione e istruzione dovrebbero creare il “massimo incremento dell’occupazione giovanile”. Ragazzi: siamo tra Giovanni Gentile e Vilfredo Pareto…

Vincenzo Figuccia, neo assessore all’Energia, Acqua e Rifiuti lancia un avvertimento un po’ sinistro:

“Termovalorizzatori? Ne abbiamo parlato. Sono scelte che faremo insieme al presidente Musumeci”.

Hanno già parlato dei termovalorizzatori? A posto siamo…

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti