Fabrizio Ferrandelli e ‘I Coraggiosi’: se la politica si gioca a dadi come al “Monopoli”

Fabrizio Ferrandelli e ‘I Coraggiosi’: se la politica si gioca a dadi come al “Monopoli”
6 settembre 2017

Uomini e  donne privi di fantasia pensano, errando, che Fabrizio Ferrandelli e ‘I Coraggiosi’ che gli vanno dietro (che sono comunque veramente coraggiosi…) cambino continuamente casacca politica. Non è così: Fabrizio e ‘I Coraggiosi’ si muovono sulla base di un tabellone, simile al  celebre gioco del “Monopoli” dove, al posto delle vie, ci sono i partiti politici e i big. L’ultima giocata con i dadi li ha portati dal centrodestra a Renzi, Fabrizio Micari e Leoluca Orlando… 

Avete presente il “Monopoli”, il classico gioco da tavolo inventato nei primi del ‘900? Ebbene, per Fabrizio Ferrandelli la politica si fa così: se, giocando a “Monopoli”, i giocatori spostano a turno sul tabellone di gioco la propria pedina in ragione del risultato ottenuto tirando i dadi, la stessa cosa – variazione in più, variazione in meno – fa Fabrizio Ferrandelli che, contrariamente a quello che si può pensare, non sceglie, di volta in volta, i suoi alleati politici, ma lascia decidere ai dadi dove posizionarsi.

Solo chi è privo di fantasia pensa che quella di Ferrandelli sia un volgare e continuo cambio di casacca politica: non è così.

Quello che nessuno sa è che Ferrandelli e ‘I Coraggiosi’ interpretano la politica come un gioco sul modello del “Monopoli”. Dove, però, al posto di “Vicolo Corto”, “Vicolo Stretto”, “Parco della Vittoria” e via continuando ci sono tutti i partiti politici di Palermo e dell’intera Sicilia, i relativi big e i gesuiti del capoluogo dell’Isola che, a corrente alternata, si dividono tra le preghiere e la politica più o meno machiavellica.

Alle ultime elezioni comunali di Palermo, per esempio, Ferrandelli e ‘I Coraggiosi’ hanno tirato i dadi tre volte e, per tre volte, i dadi sono finiti a terra. In questo caso, le scuole di pensiero si dividono: alcuni dicono che la giocata è valida, altri dicono che non è valida. Ferrandelli e ‘I Coraggiosi’ hanno deciso che le giocata, quando i dadi vanno a terra, non è valida.

Così hanno tirato i dadi una quarta volta e sono finiti su “Imprevisti” dove c’era scritto:

“Andate con Gianfranco Miccichè, Totò Cuffaro e Saverio Romano senza passare da via Franz Lehár” (una delle vie dove stanziano i gesuiti panormiti).

Nella primavera del 2012 – e questa è un’altra vicenda che è costata a Fabrizio ignobili polemiche – il nostro ha preso parte alle primarie del centrosinistra che avrebbero designato il candidato sindaco di Palermo. Tutti pensavano – sbagliando clamorosamente – che Fabrizio Ferrandelli (che allora agiva da solo, ‘I Coraggiosi’ sarebbero arrivati a dargli manforte qualche anno dopo) si era candidato contro Rita Borsellino, appoggiato da Antonello Cracolici, Giuseppe Lumia e Raffaele Lombardo. Niente di più falso!

E’ bene dirlo che, anche in quell’occasione, tutto è stato voluto dai dadi: in quel caso Fabrizio tirò una prima volta i dadi e finì sul volto rubicondo di Antonello Cracolici.

Spaventato a morte, decise, in ‘autotutela’, di effettuare un secondo tiro di dadi: e spuntò lo sguardo ieratico di Giuseppe Lumia.

Ancora più intimorito effettuò il terzo tiro beccando, finalmente (così sperava lui) una “probabilità”, dove stava scritto: “Andate a Grammichele tra cavalli e galline…”.

Così Fabrizio si è ritrovato a Grammichele nella tenuta di campagna dell’allora presidente della Regione Raffaele Lombardo, che lo aspettava con Cracolici & Lumia: insomma, era destino!

Dopo le elezioni comunali di Palermo del 2012, Fabrizio e i suoi dadi lo portarono tra Franco Piro e Mirello Crisafulli, niente meno che da candidato alle elezioni regionali del PD.

Altro colpo di dadi, ed eccolo, dopo essere stato eletto all’Ars grazie all’appoggio di Franco Piro e Mirello Crisafulli, con Davide Faraone, che allora passava per il leader dei renziani siciliani (oggi non è più così perché in Sicilia anche i cani del PD sono renziani).

Poi altre giocate e altri luoghi e altre sponde politiche.

Nel frattempo, ‘affascinati’ dalla politica-“Monopoli” sono arrivati ‘I Coraggiosi’, che oggi aiutano Fabrizio a lanciare i dadi.

Voi non ci crederete: ma l’ultima giocata di Fabrizio e de ‘I Coraggiosi’ è stata soffertissima: infatti hanno dovuto contare tre volte, perché non si capiva se erano finiti nell’UDC di Lorenzo Cesa o con Renzi, Fabrizio Micari e Leoluca Orlando…

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti