A Siracusa la presentazione della lista Noi Siciliani con Busalacchi-Sicilia Libera e Sovrana

A Siracusa la presentazione della lista Noi Siciliani con Busalacchi-Sicilia Libera e Sovrana
17 agosto 2017

L’appuntamento è per martedì 22 agosto, alle 17, presso la sala conferenze del Jolly Aretusa Palace Hotel di Corso Gelone 45. Parteciperanno:Franco Busalacchi, candidato presidente ed i membri dell’ufficio politico: Beppe De Santis, Elino Attardi, Erasmo Vecchio, Gaetano Santoro e Antonio Pulvirenti oltre ai coordinatori cittadini della lista di Siracusa Pino Rossitto e Salvatore Attardo. All’incontro partecipa l’economista NIno Galloni, figlio di Giovanni Galloni che ha già apertamente messo in discussione i trattati europei

Martedì 22 Agosto alle ore 17,00 presso la sala conferenze del Jolly Aretusa Palace Hotel di Corso Gelone 45 a Siracusa avrà luogo la conferenza stampa di presentazione della Lista “NOI SICILIANI CON BUSALACCHI, SICILIA LIBERA E SOVRANA” il soggetto politico che mette insieme autonomisti, indipendentisti e sovranisti, nato dalla proposta di NOI SICILIANI, movimento per l’autodeterminazione della Sicilia, Stato nazione.
Nel corso della conferenza stampa saranno presentati il simbolo, il programma e le azioni che saranno promosse nel breve in Sicilia ed a Siracusa. La crisi finanziaria dell’ex provincia di Siracusa e dei suoi dipendenti da mesi senza stipendio, la crisi economica ed una città allo sbando. Questi ed altri i temi che saranno affrontati nel corso del meeting. Il soggetto politico è del tutto antagonista dei partiti e mira ad eleggere il proprio Presidente, Franco Busalacchi, tecnico di grande prestigio, competenza ed esperienza che per oltre trent’anni è stato il massimo dirigente della Regione Siciliana.
La Lista partecipa alle elezioni regionali del 5 Novembre contro quello che Erasmo Vecchio definisce; “Il partito unico delle coalizioni prendendo le distanze dai partiti che hanno reso la Sicilia colonia con la complicità dei loro ascari siciliani che il Popolo di Siracusa ben conosce.

L’obiettivo è di dare vita all’attuazione integrale dello statuto autonomistico come punto di partenza per arrivare alla piena sovranità della Sicilia che, come Nazione-Stato dovrà restituire alla Sicilia il maltolto a partire dai 156 miliardi di euro che lo Stato deve alla Sicilia in forza dello Statuto speciale: 
lo Stato italiano impedisce dal 1946 che lo Statuto Siciliano venga attuato, una vera e propria violazione del trattato chevi diede origine.
L’Alta Corte è stata sciolta incostituzionalmente, senza modifica dello Statuto, già nel 1957, e da allora la Corte Costituzionale, che non ha competenza sulla Sicilia, ha provveduto e provvede ogni giorno a “castrare” la nostra Carta fondamentale a colpi di sentenze.
La Sicilia è stata tenuta volontariamente nel sottosviluppo, nel clientelismo e nell’illegalità con la complicità dei politici che l’hanno amministrata per conto dei partiti nazionali.
Ora possiamo ribellarci. Possiamo denunciare lo Stato italiano al mondo intero per questa discriminazione e promuovere in Sicilia il referendum consultivo sul tema dell’autodeterminazione della Sicilia.

Di tutti questi temi si parlerà durante la conferenza stampa alla quale parteciperanno Franco Busalacchi candidato Presidente ed i membri dell’Ufficio politico Beppe De Santis, Elino Attardi, Erasmo Vecchio, Gaetano Santoro e Antonio Pulvirenti oltre ai coordinatori cittadini della lista di Siracusa Pino Rossitto e Salvatore Attardo. All’incontro partecipa l’economista NIno Galloni, figlio di Giovanni Galloni che ha già apertamente messo in discussione i trattati europei.
Prima dell’incontro sarà diffuso l’inno ufficiale della Sicilia composto dal Maestro compositore Vincenzo Spampinato.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti