Risolta la questione meridionale: si svuota il Sud, tutto procede bene…

Risolta la questione meridionale: si svuota il Sud, tutto procede bene…
26 aprile 2017

L’Istat ci fa sapere che il Mezzogiorno d’Italia è destinato allo spopolamento. Ora qualcuno griderà allo scandalo. Ma non è il caso: hanno trovato il modo di risolvere i problemi alla radice…Geniali come sempre!

Modello unificazione Germania? Federalismo e territorializzazione delle imposte? Infrastrutture e politiche keynesiane spinte? Niente di tutto questo. L’Italia, a conferma del suo estro e della sua genialità, ha trovato la sua originalissima ricetta per risolvere l’annosa questione meridionale: svuotare del tutto il Mezzogiorno d’Italia di modo che, sparendo i meridionali sparirà, una volta e per sempre, anche questa maledettissima questione meridionale.

L’idea, geniale non c’è che dire, si è tradotta da tempo in un preciso progetto politico che trova la sua massima espressione nel numero di siciliani che abbandonano ogni anno la propria terra: la Fondazione Migrantes ci ha confermato che tutto procede bene, la Sicilia è la prima regione italiana per numero di emigrati. Giovani, anziani, single, famiglie. Di tutto un po’.

Ora, arriva anche la conferma dell’ISTAT:

“La popolazione residente in Italia sarà pari a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 7 milioni nel 2065, anno in cui la popolazione oscillerà da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5 milioni”.

Adesso arriva il bello:

“Con il passare degli anni sarà sempre più evidente lo spostamento del peso della popolazione dal Mezzogiorno al Centro-nord del Paese. Secondo le previsioni, nel 2065 il Centro-nord accoglierà il 71% di residenti contro il 66% di oggi; il Mezzogiorno invece arriverebbe ad accoglierne il 29% contro il 34% attuale”. 

Se sono fortunati e, soprattutto, se continueranno con le politiche attuali, magari la stima del 29% si rivelerà una stima al ribasso.

Non sono dati del tutto nuovi. La Svimez denuncia da anni la desertificazione del Sud e qualche mese fa ci ha fatto sapere pure che nel 2015 il numero dei nati nel Sud ha raggiunto il livello più basso dall’Unità d’Italia: 170 mila.

L’errore che fa la Svimez è, però, quello di considerare il saldo migratorio, la bassa natalità, la mancanza di lavoro, di investimenti e di infrastrutture, come un problema. Denuncia, urla, accusa, rispolvera le soluzioni dei più grandi meridionalisti.

Questi della Svimez, poverini, non hanno capito che va tutto bene: è così che deve andare, è così che si vuole che vada.

Niente meridionali? Niente questione meridionale: c’est plus facile!

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti