Omaggio a Giuseppe ‘Peppe’ Schiera, poeta di strada a Palermo

Omaggio a Giuseppe ‘Peppe’ Schiera, poeta di strada a Palermo
3 febbraio 2017

Oggi, 3 febbraio, ricorre l’anniversario della nascita di Giuseppe ‘Peppe’ Schiera, poeta ambulante palermitano che si autodefiniva “a fabbrica d’u pitittu”, la fabbrica della fame. Un grande poeta di strada che si prendeva gioco del fascismo e dei potenti morto sotto uno dei tanti bombardamenti che martoriarono Palermo nel 1943 

Era soprannominato “Muddichedda”, per il suo essere piccolo, magrissimo, con il volto scavato, appunto, dalla fame. Girava per le strade e le piazze di Palermo, declamando versi di sua composizione, rigorosamente in lingua siciliana, burleschi e arguti, e lunghe filastrocche stravaganti, ma ben ritmate.

Fu un uomo coraggioso che con la sua arte ebbe il coraggio di sfidare pubblicamente il regime fascista e la guerra.

Come i suoi sodali d’oltre Manica ad Hyde Park, Schiera montava su uno sgabello, ammaliava e divertiva il pubblico, poi raccoglieva gli oboli e regalava i suoi testi scritti in fogliettini volanti.

Morì nel 1943 sotto uno dei tanti bombardamenti aerei che martoriarono Palermo durante la seconda guerra mondiale.

Un doveroso omaggio anche al caro amico Giorgio Li Bassi che ne ha tenuta viva la memoria e la poesia nelle sue mitiche recite con i Travaglini.

La Rima

Pueti amici scarsi comu a mia
Di Sferracavaddu
Mi sfuttinu dicennu

Ca iu nna li me’ versi
La rima ci la mettu a muzzu.

Zocché ‘sta rima?
E’ lu parrari di lu pappagaddu;
a li voti ci la mettu,
a li voti no:
picchì parrari ammàtula
cu rima o senza rima
siddu all’ultimata
tuttu resta fasullu comu prima?
Macari di ‘na cuntissa
Chi vosi fatta na puisia,
s’ntenni a pagamentu,
però a pattu ca iu la rima cci la mittissi,
prigari non mi fici e cci dissi:
iu ci la mettu, signura cuntissa,
ma la puisia resta sempri la stissa.
E ci la misi. Ma idda s’addicò
E nni vosi fatta una ogni misi,
e io cci dissi si, ma a pagamentu.
Patri Missina inveci dici ca a iddu
Li me’ versi
Cci piacinu cu li rimi
Puru si nnun c’è varca,
e io pi fallu subitu cuntentu
cci dissi ca la gatta
sintennu varca
mi pisciò dintra la scapa
ma pi megghiu cunsolu
la rima ci la fazzu c’u citrolu.
A la cuntissa
La cosa ci garbizzò
E di tannu
a la facci di lu nannu
la rima la voli sempri accussì

Foto di Palermo dopo il bombardamento del 1943 (Palermomania)

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti