Ragazzi, tenetevi forte: Rosario Crocetta si ricandida alla presidenza della Regione e sarà “sicilianista”…

Ragazzi, tenetevi forte: Rosario Crocetta si ricandida alla presidenza della Regione e sarà “sicilianista”…
2 febbraio 2017

Per annunciare la sua candidatura il presidente della Regione ha scelto febbraio, il mese dei Lupercali, il periodo in cui nell’antica Roma si celebravano i giorni nefasti, quando, in pieno inverno, i lupi affamati assaltavano il bestiame. E se Luperco difendeva pecore e capre, Crocetta intende difendere i Siciliani. Da chi? Da chi ha svenduto la Sicilia a Roma. Ma come: lui che ha impoverito i Siciliani firmando i ‘Patti scellerati’ con Renzi? Sì, ma ora Rosario è pentito ed è diventato sicilianista. Non vi basta? Tornerà il Megafono e magari Lumia…

“In fin dei conti si tradisce solo ciò che si ama”, ci ricorda lo scrittore Günter Grass. E Rosario Crocetta deve essere veramente innamorato della Sicilia se, da presidente della Regione, l’ha tradita ripetutamente e se ha deciso di ricandidarsi per continuare la sua ‘opera’…

Sì, Rosario da Gela – finito all’ultimo posto per gradimento tra i presidenti delle Regioni italiane – ci vuole riprovare: eccolo pronto, con una bella dichiarazione rilasciata all’ANSA, per affrontare l’agone elettorale del prossimo novembre.

Crocetta ha aspettato febbraio per annunciare la bella notizia. E un motivo c’è: è il mese dei Lupercali, la festività che nell’antica Roma si celebrava proprio nei giorni nefasti di febbraio, in onore del dio Fauno “nella sua accezione di Luperco – leggiamo su Wikipedia – cioè protettore del bestiame ovino e caprino dall’attacco dei lupi”.

Febbraio è, di solito, il periodo più freddo dell’anno. Il tempo in cui i lupi affamati si avventano sulle capre e sulle pecore.

Crocetta come Luperco, pronto a difendersi dai lupi del PD? In effetti, in questa settimana, a Sala d’Ercole, i più scatenati contro la sua manovra economica e finanziaria – veri e propri lupi un po’ affamati – sono stati proprio i parlamentari del Partito Democratico. Magari hanno capito che con la le finanziarie di fine legislature si possono fondare i partiti?

Come fu e come non fu, finanziaria o no, Crocetta si ricandida lo stesso: tiè! Per l’occasione il presidente della Regione uscente ha rispolverato il Megafono – il movimento messo su in occasione delle elezioni nazionali del 2013 per garantire l’elezione Senato a Giuseppe Lumia. Finite le elezioni, finito il Megafono. Arrivano le elezioni, riecco il Megafono.

E il programma? Già scritto schitto schitto, come si usa dire dalle nostre parti: niente più “Rivoluzione” ormai passata di moda, ma una toccata e fuga di socialismo e di neo-sicilianità: difesa dei deboli, coesione sociale, legalità, impegno a tutela della Costituzione e, utite, udite!, dello Statuto speciale.

Sì, avete letto bene: Crocetta – quello che ha firmato i due ‘Patti scellerati’ con il passato Governo Renzi, regalando a Roma una barca di soldi dei Siciliani e calpestando lo Statuto – adesso è pentito e vuole difendere lo Statuto!

Del resto, la coerenza non è forse la virtù degli imbecilli? Anche gli ascari hanno un cuore autonomista. E infatti Crocetta promette – per chi ci crede – un movimento con “una forte impronta sicilianista”. Ma attenzione, aggiunge:

“Nulla a che fare con il concetto autonomista di certi ceti conservatori e reazionari. Il nostro scopo è quello di continuare l’azione di risanamento della Sicilia che ho avviato nel corso di questo mio primo mandato” e di “rafforzare lo sviluppo economico e rilanciare l’occupazione”.

Crocetta sogna “un gruppo solido” nella futura Assemblea regionale siciliana. Pensate un po’: si passerà da 90 a 70 deputati e lui, Rosario, vorrebbe “un gruppo solido”. Facciamo almeno 15 parlamentari? Ci vorranno, sì e no, 450 mila voti. Avete letto bene: 450 mila siciliani, o giù di lì disposti a rivotare Crocetta. Ci crede davvero?

Pronto accomodo, il governatore uscente vuole presentare pure una lista alle elezioni comunali di Palermo (e un candidato sindaco no?). Quindi il finale:

“Non escludiamo di fare una lista pure per il Senato, discutendone con il PD”. In controluce torna l’ombra di Lumia, che dopo non ricordiamo più se cinque o sei mandati parlamentari romani non riesce a dormire all’idea di non essere più chiamato onorevole o senatore. Lo dobbiamo lasciare sveglio per il resto della vita?

Già noi sappiamo chi gioirà nell’apprende della ricandidatura di Rosario Crocetta.

In prima fila ci saranno gli 8 mila lavoratori della Formazione professionale: chi più di loro e meglio di loro ha conosciuto l’impegno e, soprattutto, i ‘grandi risultati’ ottenuti dall’attuale Governo Crocetta?

Anche gli agricoltori siciliani saranno molto contenti. Soprattutto i produttori di grano duro che quest’anno hanno leccato la sarda…

Poi i disoccupati, i diseredati, i disperati: tutta gente alla quale Crocetta – questo bisogna riconoscerlo – ha assicurato la permanenza nella situazione in cui continuano a trovarsi, magari con un piccolo peggioramento. Ed è anche giusto: nella sofferenza, senza lavoro e senza reddito il disoccupato siciliano ritrova le proprie radici…

Ma i più felici di tutti della ricandidatura di Crocetta saranno i dirigenti del PD siciliano. Abituati a fare politica – e da otto anni a governare la Regione senza metterci mai la faccia, ma solo i deterani pronti ad occupare le poltrone – i vari Raciti, Cracolici, Faraone, in queste ore, saranno in un brodo di giuggiole!

E di cosa dovrebbero lamentarsi, poi? Crocetta – per dindirindina! – è un ottimo candidato! Benvoluto, apprezzato, amato dai Siciliani che non vedono l’ora di rivotarlo!

Con lui il PD siciliano supererà il 40% di Renzi…

Foto tratta da qtssicilia.it

 

 

 

 

 

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti