Il Governo Renzi contro l’Unione Europea: ma chi ci crede?

Il Governo Renzi contro l’Unione Europea: ma chi ci crede?
9 novembre 2016

La ‘lite’ tra il nostro capo del Governo e l’Unione Europea – peraltro oscurata dalla vittoria di Trump – sembra solo una sceneggiata per provare a convincere gl’italiani a votare sì al referendum del 4 dicembre. Ma anche quest’operazione è destinata a naufragare. Infatti, Renzi, dopo aver raccontato bugie su bugie e non aver mantenuto gli impegni assunti, non è più credibile  

Matteo Renzi non è molto fortunato. Qualche settimana prima delle elezioni americane aveva iniziato una finta polemica con l’Unione Europea: “Vogliamo questo, vogliamo quello, vogliamo i soldi per i migranti, vogliamo i soldi per il terremoto, vogliamo i soldi per le scuole” e via continuando con l’erba voglio. Il gioco sembrava fatto: la Clinton – forte dei sondaggi – avrebbe vinto e lui – che era andato ad abbracciare Obama negli Stati Uniti – con la vittoria dei Democratici si sarebbe presentato a Bruxelles per ottenere almeno una parte delle richieste.

Invece è andato tutto a carte quarantotto. I sondaggi – che come tutti ormai sappiamo non sono sondaggi, ma maldestri tentativi di orientare il voto (tipo che nel referendum del 4 dicembre prossimo i Sì e i No sono quasi alla pari, magari con un leggero vantaggio dei No, ma si può recuperare bla bla) – non hanno sortito l’effetto sperato, perché gli americani hanno votato quello che volevano e non come avrebbero voluto i ‘sondaggisti’. La Clinton, come si dice dalle nostre parti, è stata ‘inchiummata di brutto’. E Matteo – che si era fatto fotografare con Obama – ora deve acquistare un’improbabile credibilità anche negli USA.

Già ha rilasciato dichiarazioni plaudendo al nuovo Presidente Trump. Ma una domanda è d’obbligo: se Renzi è considerato in Italia un conta-palle – ovvero uno che racconta sempre bugie – come può pensare che gli creano in America? E come può pensare che gl’italiani si bevano la sua polemica con il presidente della Commissione Europea, Juncker?

Tutti ricordiamo quando i massoni dell’Unione Europea dell’Euro, dopo avere lasciato i greci tra disoccupazione, disperazione e persino mancanza di medicinali, si sono presentati a chiedere il conto a Tsipras. Il leader della sinistra della Grecia – come tutti noi ricordiamo – ha provato a tenere testa ai massoni della UE e anche alla Troika.

Ma come tutti noi ricordiamo, il primo a schierarsi con la Troika e con l’Unione Europea dell’Euro è stato proprio Renzi. Così la Grecia, con i suoi 300 miliardi di Euro circa di debiti è stata ulteriormente massacrata, tanto che gli stessi greci, oggi, non sembrano entusiasti di Tsipras e del suo Governo.

Oggi la Grecia è in grandissima difficoltà: basti pensare che 500 mila giovani greci hanno lasciato il prorpio Paese, come potete leggere in questo reportage:

Ma quale Europa della solidarietà: tutti i numeri del dramma della Grecia in un reportage

Ora Renzi – che non ha avuto alcuna pietà per le difficoltà della Grecia – attacca, o finge di attaccare, l’Unione Europa. Chiedendo, alla fine, quello che chiedeva la Grecia, ma che alla Grecia non è stato concesso: con lo stesso Renzi che plaudiva alla severità con gli ellenici che non rispettavano i “parametri” della grande Unione Europea dell’Euro.

Che dire? Che, con molta probabilità, la ‘guerra’ di Renzi alla UE è una sceneggiata grazie alla quale il nostro capo del Governo otterrà qualche concessione nella speranza che gl’italiani votino sì al referendum del 4 dicembre.

Renzi, come gli capita spesso, pensa di essere il più intelligente di tutti. Come se gl’italiani non avessero compreso che le ‘riforme’ costituzionali – che dovrebbero ridurre al lumicino gli spazi di democrazia nel nostro Paese – sono volute proprio da quai potentati europei con i quali, oggi, il capo del Governo del nostro paese finge di litigare.

La verità è che Renzi non sa più a quale Santo rivolgersi per far votare sì agl’italiani…

 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti