La Sicilia indipendente non può andare a braccetto con i partiti nazionali

La Sicilia indipendente non può andare a braccetto con i partiti nazionali
5 novembre 2016

Sicilia Nazione, Fronte nazionale siciliano e Movimento per l’indipendenza della Sicilia, prima di lanciare un appello a tutti gli autonomisti e indipendentisti della nostra Isola, dovrebbero chiarire il percorso culturale e politico che intendono seguire. La “rivoluzione civile”, infatti, non si può fare mantenendo i legami con i partiti nazionali e con le loro appendici ‘ascaristiche’

E’ tempo di appelli? Ma non è un po’ presto?

Forse è meglio così, così ci chiariamo subito le idee ed evitiamo che qualcuno, credendoci, non sprechi il suo tempo e la sua passione, andando appresso a Carnevale.

Nessun accordo è possibile con chi non mette al bando i partiti nazionali e le loro appendici ascaristiche regionali e non  solo “il vecchio ceto politico”.

Nessun accordo è possibile con chi non prende ufficialmente le distanze, né tanto meno smette di strusciarsi con i superstiti di Forza Italia, dell’UDC, dell’NCD, del PD e da tutte le frattaglie ulcerose che fanno da contorno a quei sopravvissuti.

Nessun accordo è possibile con chi, ADESSO, non giura sul suo onore che mai e poi mai stipulerà, in nessun caso e in nessuna circostanza, alleanze, intese, abbinamenti o patti di desistenza con quei soggetti politici ormai squalificati.

Nessun accordo è possibile con chi non giura preventivamente che il suo traguardo politico è il raggiungimento, attraverso un percorso democratico, dell’indipendenza della Sicilia e che mezzo a questo fine è la piena attuazione dello Statuto nella sua stesura originale, deturpata da troppe sentenze politiche della Corte Costituzionale.

Nessun accordo è possibile con chi non si dichiara preventivamente disposto, da privato cittadino o da rappresentante politico dei Siciliani, ad adire tutte le giurisdizioni nazionali ed internazionali per vedere riconosciuti i diritti dei siciliani conculcati da uno Stato sleale e truffaldino.

Nessuna alleanza è possibile con chi non si dichiara disposto a lottare in tutte le sedi per evitare che la produzione alimentare siciliana venga distrutta da una invasione indiscriminata di prodotti esteri, tossici o addirittura velenosi.

Nessuna alleanza è possibile con non è disposto a riconoscere nella produzione agroalimentare la vera e autentica vocazione dell’Isola e rifiuta ogni insediamento industriale inquinante.

Nessuna alleanza è possibile con chi, nel solco dell’insegnamento di Franchetti e Sonnino, di Gaetano Salvemini, di Antonio Gramsci, di Cesare Mori, di Paolo Borsellino, non riconosce alla Stato una parte di responsabilità nella  progressiva crescita della mafia e come questa responsabilità porti, come retaggio inevitabile, il ritardo della Sicilia nel contesto europeo.

Solo con chi offre queste garanzie gli indipendentisti, gli autonomisti e i sicilianisti sono disposti a lottare per la Sicilia.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti


In Promo a Palermo

Honda HR-V in promo a Palermo


di I Nuovi Vespri

L’Honda HR-V è il SUV compatto della Casa giapponese: spazioso, versatile, sportivo e dinamico, ma soprattutto sofisticato. Dal design esterno […]