Processo Mafia Capitale: Luca Ovedaine ha chiesto di patteggiare la pena

Processo Mafia Capitale: Luca Ovedaine ha chiesto di patteggiare la pena
14 settembre 2016

Uno dei protagonisti dell’inchiesta sul mangia-mangia nella gestione dei fondi pubblici stanziati per i migranti (ma che finiscono in buona parte nella tasche degli speculatori) ha ammesso le proprie responsabilità. E ha chiesto il patteggiamento della pena. Andrà a insegnare contabilità presso il CARA di Mineo?

di Claus Cahib

Nel silenzio, o quasi, della stampa di regime a cui è stato ordinato di occuparsi con tutto il clamore possibile  dell’insulsaggine e dell’insipienza del sindaco di Roma, Virginia Raggi, che i pennivendoli fanno assurgere a delitti orrendi, il processo a Mafia Capitale va avanti.

Uno dei cervelli di questa squallida e reticolare operazione a tre teste, politica malavitosa, amministrazione pubblica corrotta e delinquenza organizzata, Luca Odevaine, ammette le sue responsabilità nel giro di mazzette per gli appalti al Centro richiedenti asilo (CARA) e chiede uno sconto di pena a mezzo del patteggiamento, due anni e otto mesi.

Dedotta la carcerazione preventiva, e al netto dello sconto-indulto, gli resterà, sì e no, qualche mese di pena che potrà scontare ai servizi sociali, magari insegnando contabilità ai migranti ospiti del CARA di Mineo…

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti