Questione migranti: dire qualche verità equivale ad essere politicamente scorretti?

Questione migranti: dire qualche verità equivale ad essere politicamente scorretti?
26 agosto 2016

La Francia, è noto, ha quasi chiuso le proprie frontiere per ragioni di sicurezza. A Ventimiglia i migranti premono per entrare. Ma non passano più. E che fa lo Stato italiano? Mette in atto la “decompressione”. Come? Trasferendo i migranti che ‘premono’ al Sud, in Puglia. Dove verranno ospitati nei centri di accoglienza e, magari, potranno lavorare per 16 ore al giorno. Ci guadagneranno i titolari dei centri di accoglienza e chi usufruirà del loro lavoro

Capitolo I: La “decompressione”.

Cominciamo dalla fine. Dopo la brutale chiusura dei confini francesi per ragioni di sicurezza, a Ventimiglia, i migranti, ormai a migliaia, “premono” per entrare in Francia. Ma non passano più. La situazione diventa intollerabile e pericolosa. Che si fa? Semplice, si “decomprime”. Come?  Deportando un congruo numero di migranti nel caro vecchio Sud, in Puglia, dove gente accogliente e di buon cuore li impegnerà per 16 ore al giorno in lavori socialmente utili (a se stessi) pagandoli “profumatamente”. Tutto per bene.

Capitolo II: Un Paese che non c’è più

Una guerra sporca, in cui i valori universali di humanitas e di pietas sono morti, sta devastando un Paese una volta bellissimo. Una culla di civiltà sacra e preziosa, una testimonianza antica, unica, di forza e bellezza, di ricchezza interiore. Damasco, Aleppo, Palmira, un tempo evocavano storie grandi, messaggi divini, incontri tra saggezza e virtù. Tutto finito. Nell’odio e nella contrapposizione feroce e senza scrupoli tra bande rivali, tra predoni e briganti travestiti da Stati moderni e civili che, al riparo dei loro cinque pasti al giorno, bombardano chiunque stia sotto.

E’ la più visibile di tante guerre invisibili, noiose perché ormai invecchiate tra l’indifferenza e il disimpegno del colto e civile Occidente, con l’eccezione di chi dall’Occidente traffica, comprando e vendendo.

Somalia, Eritrea, Sudan, Nigeria. “Buona la guerra, tanto cibo”, bofonchiava Edgar Abito, lo scarafaggio del film Men in black.

“Ronzano due elitre fuori, ronza il folle mortorio e sa che due vite non contano”, scrive Montale .Proprio così: Non contano, né due, né duemila.

Capitolo III: Attraversando i “prati di Nettuno”

E arrivano sulle nostre coste i sopravvissuti, i profughi, i fuggiaschi. Accanto a tanti che prestano la propria opera generosa e disinteressata per soccorrerli c’ è chi si frega le mani. C’è chi con il dolore e la sofferenza ha costruito un sistema redditizio e miserabile.

Parliamo dei centri di accoglienza dei migranti. Ci sono finti samaritani che, come scarafaggi, si alimentano della miseria e della sporcizia, prima di tutte la loro.

Puntualmente, in ogni tragedia che la colpisce, l’umanità sciorina tutto il suo campionario; amore e avidità, pena e calcolo  si alternano in questo palcoscenico milionario. Tra i cani che scavano tra le macerie si mimetizzano gli sciacalli.

Chi torna a casa e la trova allagata, per prima cosa chiude i rubinetti. Noi no. Un NOI inteso in senso universale.

Ci dividiamo tra chi presidia e garantisce il perpetuarsi della perdita e chi tenta di asciugare il pavimento. Tra chi accoglie e chi rifiuta. E tra questi ultimi sono sicuro che c’è qualcuno che sarebbe ben disposto all’accoglienza se potesse trattare i profughi come schiavi da tenere nelle baracche e farli lavorare nei campi o nelle fabbriche dall’alba al tramonto.

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti