Tanti auguri all’ing. Mignemi, l’ultimo ‘ragazzo’ di Canepa

Tanti auguri all’ing. Mignemi, l’ultimo ‘ragazzo’ di Canepa
29 luglio 2016

E’stato al fianco di Antonio Canepa e Carmelo Rosano, capi dell’Evis uccisi a Randazzo nel 1945. Ma è stato anche fiero oppositore dei partiti del cemento che deturpavano la sua Catania. Un uomo che potrebbe raccontarci capitoli importanti di una storia che ci viene negata

Buon compleanno all’Ingegner Mignemi, Peppino per gli amici. 92 anni e una mente acutissima. Un uomo che potrebbe raccontarci capitolo importanti di una storia siciliana che la cultura ufficiale ci nega. Nato a Catania il 29 Luglio dell’anno 1924, oggi è il presidente della comunità siciliana TerraeLiberAzione. bandiera-evis-sicilia

Mignemi è l’ultimo dei ragazzi di Antonio Canepa, il professore guerrigliero, il comandante dell’Evis che sognava una Sicilia per i Siciliani, ucciso in quella che è considerato il primo delitto politico di Stato del secondo dopoguerra: l’eccidio di Randazzo nel 1945. Con la sua morte, muoiono anche le speranze di tanti siciliani e della Sicilia si farà una colonia da sfruttare e da ridurre ai minimi termini, così come la vediamo oggi.

mignemiMignemi era molto vicino a Carmelo Rosano, morto con Canepa a 22 anni e che di Canepa era il braccio destra.

Dopo Randazzo anche per ‘Peppino Mignemi’ è pronta un’altra vita: non aderirà all’Evis di Concetto Gallo “perché quello non era più l’Evis”.

Un’altra vita, senza mai abbandonare il progetto di una Sicilia affrancata dalle catene coloniali. Combattendo ad ogni livello soprusi e angherie delle mafie e dei potentati locali e non.

Conosciuto in città come un fine intellettuale, negli anni ’60 – ricorda TerraeLiberazione che oggi festeggia il compleanno del ‘Grande vecchio’ –  “fu il  primo profetico oppositore  del partito borghese del cemento e della speculazione che devastò il paesaggio urbano e naturale della sedicente Milano del Sud. Venne perfino arrestato e condannato al carcere che scontò scrivendo un libro la cui attualità definiamo inquietante”. E che Terra e Liberazione promette di ristampare.

Tanti auguri ingegner Mignemi! Che la Sicilia possa di nuovo tornare ricca di uomini come Lei! 

 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti