Palermo, anche i COBAS pronti a presentare ricorso contro la ZTL di Orlando e Catania

Palermo, anche i COBAS pronti a presentare ricorso contro la ZTL di Orlando e Catania
29 luglio 2016

Dopo i cittadini e i commercianti, anche i COBAS Lavoro Privato scendono in campo contro la Zona a Traffico Limitato che il Comune di Palermo vorrebbe riproporre nonostante la doppia ‘bocciatura’ da parte di TAR e CGA. Il sindacato autonomo lascia balenare il dubbio che alcune poste del bilancio AMAT – con riferimento al parco automezzi – non siano veritiere. La ‘botta’ è pesante, perché la ZTL dovrebbe servire proprio a finanziare l’AMAT (e la gestione del Tram da parte della stessa AMAT)

Diventa sempre più duro a Palermo lo scontro sulla ZTL che il Comune amministrato da Leoluca Orlando avrebbe intenzione di riproporre nonostante la doppia ‘bocciatura’ da parte di TAR Sicilia e CGA. Mezza città (e forse più) è già in subbuglio. L’idea di far pagare ai cittadini che vivono al di fuori del perimetro della ZTL 5 Euro per ogni accesso sembra una follia. Le associazioni che hanno già presentato ricorso alla magistratura amministrativa si preparano a un altro ricorso. Magari con i commercianti che sono contrari alla nuova Zona a Traffico Limitato che si annuncia, addirittura, più penalizzante di quella già bloccata dal Tribunale Amministrativo Regionale (il già citato TAR).

Insomma, dopo i cittadini, dopo Confcommecio, Confesercenti e Confartigianato, anche anche i sindacalisti dei COBAS Lavoro Privato scendono in capo contro la Zona a Traffico Limitato. I vertici di questa organizzazione sindacale contestano la ‘filosofia’ della nuova ZTL messa a punto dal sindaco Orlando e dall’assessore Giusto Catania (e, supponiamo’ dai ‘geni’ che albergano negli uffici comunali).

“Gli abbonamenti AMAT a un Euro al mese per residenti e fasce sociali deboli che hanno necessità d’accesso all’interno della ZTL – scrivono in un comunicato i vertici di COBAS Lavoro Privato – non saranno un incentivo al trasporto pubblico, se questo continua a caratterizzarsi per inadeguatezza di mezzi e scarsa frequenza delle corse. Nelle condizioni attuali in cui si trova l’AMAT, le agevolazioni non risolvono i problemi e non faranno digerire la ZTL”.

“Se le misure contenute nel provvedimento non dovessero cambiare – questa la posizione del coordinamento regionale dell’organizzazione sindacale – siamo pronti ad associarci a chi vorrà promuovere ricorso alla giustizia amministrativa, mettendo a disposizione la nostra conoscenza tecnica dell’AMAT”.

“La ZTL – prosegue il sindacato – deve essere adeguatamente sostenuta dal trasporto pubblico urbano, così come sottolineato dal TAR e dal CGA. È notoria l’estrema fatiscenza del parco macchine in servizio, ormai ridotto all’osso. Una realtà ben diversa da quella dipinta nel Piano d’azione comunale per il contenimento dell’inquinamento che, a pagina 13, riporta un parco autobus in dotazione all’AMAT composto da 413 vetture. Peccato che più della metà siano fuori uso perché irrimediabilmente guaste”.

I sindacalisti dei COBAS esprimono dubbi sulla correttezza di alcune posto del bilancio AMAT:

“A questo punto è lecito domandarsi se questi 413 bus rientrino nel patrimonio aziendale e siano stati tutti contabilizzati in bilancio. Ma soprattutto con quale valore, visto che, a nostro avviso, la maggior parte di essi vale zero”. La ‘botta’ è pesante, perché gli introiti della ZTL dovrebbero servire proprio a risanare i ‘buchi’ dell’AMAT.

“Attendiamo risposte dall’AMAT e dal socio unico Comune – conclude il sindacato -. I cittadini hanno diritto di essere informati correttamente per capire se questo provvedimento favorisca realmente una mobilità più sostenibile o sia il solito libro dei sogni. Ai palermitani non interessano gli spot elettorali, per di più se non portano benefici ed un miglioramento dei servizi”.

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti