“La nuova ZTL di Orlando? Favorirebbe i centri commerciali delle periferie”

“La nuova ZTL di Orlando? Favorirebbe i centri commerciali delle periferie”
27 luglio 2016

A lanciare l’accusa è Confcommercio Palermo con la sua presidente, Patrizia Di Dio. Per motivi di ordine psicanalitico e non economico, il sindaco Orlando e l’assessore Giusto Catania si sarebbero convinti che i palermitani sono ricchi. E che la loro funzione sia quella di foraggiare il Comune e le società comunali. Secondo la psicanalisi applicata alla politica, il sindaco e l’assessore, con la nuova versione della ZTL ‘caravigghiara’, anelerebbero invece a tornare a casa…

Per caso la mobilità, a Palermo, viene ‘disegnata’ in funzione degli interessi dei centri commerciali? Il dubbio è sorto con le linee di Tram cittadine che, in due casi, vanno a parare nei pressi di due centri commerciali. Cose che capitano (o quasi), si è detto. Ma con la nuova versione della Zona a Traffico Limitato (ZTL) annunciata dall’Amministrazione comunale (che, di fatto, sta ignorando che a Novembre si attende il giudizio del TAR Sicilia sul merito di un ricorso presentato da cittadini e associazioni) sembra che i centri commerciali dislocati nelle periferie della città potrebbero risultare favoriti.

Non è una nostra tesi: lo mette, nero su bianco, la Confcommercio di Palermo in una nota che porta la firma della sua presidente, Patrizia Di Dio:

“Il provvedimento sulla ZTL, annunciato dal sindaco Leoluca Orlando – dice Patrizia Di Dio – causerà conseguenze negative sulle attività commerciali che ricadono all’interno del perimetro della stessa Zona a Traffico Limitato. Questa chiusura non viene assolutamente incontro alle esigenze dei commercianti palermitani, una categoria che ha già pagato a caro prezzo la crisi che viviamo da tempo. Da quello che si evince dalla proposta dell’Amministrazione comunale – prosegue Di Dio – sarà impossibile per decine di migliaia di cittadini transitare all’interno della ZTL, pertanto verranno privilegiati soltanto i grandi centri commerciali che si trovano nelle periferie e fuori città”.

“I cittadini-consumatori – sottolinea la presidente di Confcommercio Palermo – preferiranno spostarsi nei centri commerciali piuttosto che andare a fare shopping in centro città dovendo pagare il pass giornaliero di 5 Euro. Palermo diventerà un caso unico in Europa per rapporto tra città ed estensione della ZTL. Ci auguriamo – conclude Patrizia Di Dio – che le sentenze dei giudici, tra l’altro in linea con le nostre proposte, possano essere tenute in considerazione per i provvedimenti da adottare”.

In realtà, furbescamente, l’Amministrazione comunale sta provando a evitare che a Novembre si pronuncino i giudici del TAR Sicilia. Ma si tratta di una mossa (che potete leggere in questo articolo) che è stata già ‘sgamata’ dai cittadini, dalle associazioni e – come si evince dalla presa di posizione di Confcommercio Palermo – anche dai commercianti (a proposito: ma com’è che a parlare è solo Patrizia Di Dio? Che fine hanno fatto Confartigianato, Confesercenti e via continuando?).

E’ certo che la mossa del Comune per evitare il pronunciamento della magistratura amministrativa naufragherà. Tra l’altro, il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore comunale alla Mobilità, Giusto Catania – come sottolinea Confcommercio Palermo – hanno peggiorato il provvedimento amministrativo, perché vorrebbero far pagare ai cittadini che non risiedono nel perimetro della ZTL (e ai disgraziati che si troveranno a passare da Palermo) un pass giornaliero di 5 Euro.

P.S.

E’ evidente che sia Orlando, sia l’assessore Catania non hanno contezza della crisi economica che oggi attanaglia famiglie e imprese di Palermo. Questi due personaggi sono convinti che i cittadini palermitani siano solo ‘limoni da spremere’ per risanare i conti del Comune e delle società controllate dallo stesso Comune. Pensano che i palermitani siano piedi di soldi. Non hanno capito che nel capoluogo siciliano, come si dice dalle nostre parti, ‘u pitittu si tagghia a feddi…

E’ altrettanto evidente che Orlando e l’assessore Catania – oltre a rappresentare una sorta di ‘avanguardia’ renziana – come il loro ‘mentore’ Renzi, hanno perso del tutto la capacità di ‘leggere’ la realtà che amministrano. Sindaco e assessore, con la nuova versione della ZTL caravigghiara, è come se, psicanaliticamente, stessero dicendo ai palermitani:

“Vogliamo tornare a casa, non ci votate più, aiutateci a uscire di scena, siamo stati morsicati da mostro renziano e ormai pensiamo solo a tassare e a tentare di inchiummare i cittadini di Palermo. Aiutateci a tornare a casa…”.

Noi pensiamo che, il prossimo anno, i cittadini palermitani ‘aiuteranno’ Orlando e Catania, raccogliendo il loro grido di dolore psicanalitico… 

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti