Pale eoliche in Sicilia: rischio di caos e di contenziosi contro la Regione

Pale eoliche in Sicilia: rischio di caos e di contenziosi contro la Regione
3 giugno 2016

A denunciarlo sono i parlamentari del Movimento 5 Stelle all’Assemblea regionale siciliana. Lo scorso 27 Maggio è scaduto il termine entro il quale il Governo regionale avrebbe dovuto individuare le aree della Sicilia dove non dovrebbe essere possibile realizzare pale eoliche. Adesso il rischio è la confusione. E l’esplosione di contenziosi tra imprese del settore e Regione. Chiesti “chiarimenti urgenti” all’assessore regionale Vania Contraffatto

Niente mappa per le aree non idonee alla realizzazione di impianti eolici, legge disapplicata e rischio caos”.

Parola dei parlamentari del Movimento 5 stelle all’Ars, che lanciano l’allarme sul futuro prossimo venturo dell’eolico in Sicilia, “più che nebuloso – scrivono – a pochi mesi dall’approvazione della legge di regolamentazione del settore”.

Proprio per questo chiedono all’assessorato regionale dell’Energia – retto da Vania Contraffato – di fare chiarezza.

Con la legge regionale n. 29/2015 – affermano i deputati grillini – la Regione, entro 180 giorni, avrebbe dovuto individuare e mappare le aree non idonee alla realizzazione di impianti eolici. Diciamo avrebbe, perché, ad oggi, nessuna mappatura è stata realizzata e, come spesso accade, vengono fatte le leggi, ma poi non vengono applicate”.

Il termine entro il quale avrebbe dovuto essere allestita la cartografia regionale delle aree off-limits agli impianti di grosse dimensioni era il 27 Maggio 2016. La mappa avrebbe dovuto tracciare le aree vietate alle pale eoliche voluminose: aree della nostra Isola considerate di particolare pregio ambientale, paesaggistico, archeologico o agricolo o a causa di vulnerabilità ambientale, pericolosità o rischio idrogeologico.

“L’inerzia degli organi competenti – affermano i parlamentari 5stelle – potrebbe determinare non poca confusione sia negli operatori di settore, sia negli stessi uffici tecnici. Infatti, i procedimenti di realizzazione di nuovi impianti, non ancora definiti alla data di entrata in vigore della legge, rimanevano sospesi fino alla scadenza dei 180 giorni. Adesso che non opera più questa sospensione (circostanza rilevata anche dai giudici del CGA, sigla che sta per Consiglio di Giustizia Amministrativa) potrebbero essere rilasciate autorizzazioni alla costruzione di grossi impianti in zone che avrebbero potuto o dovuto essere considerate non idonee”.

“Alla luce di quanto sta accadendo – continuano i parlamentari – temiamo che dalla mancata regolamentazione delle aree non idonee possa derivare un possibile rischio per il patrimonio paesaggistico, storico e rurale della Sicilia”.

Il timore è che, alle attuali pale eoliche, se ne aggiungano altre.

“Per tali ragioni – si legge sempre nel comunicato – il Movimento 5 Stelle ha chiesto chiarimenti urgenti all’assessorato dell’Energia e da mesi sollecita un confronto con l’assessore davanti alla commissione Ambiente dell’Ars.

“Il M5S – precisano i deputati – è da sempre favorevole alle energie rinnovabili, ma certamente servono regole chiare e trasparenza. Questo ennesimo esempio di mal governo della Regione mette ancor più in difficoltà l’economia e gli investimenti nel nostro territorio. La mancata regolamentazione e la poca chiarezza della normativa esistente potrebbe infatti comportare il proliferare di contenziosi da parte di ditte di impianti eolici nei confronti della Regione siciliana, col rischio di condanne a milioni di euro di risarcimento dei danni”.

Per la cronaca, l’assessorato regionale all’Energia (che si occupa anche di acqua e rifiuti) è controllato dai renziani del PD (la già citata assessore Contraffatto è stata voluta nel Governo della regione, proprio in questo settore, dai renziani siciliani capeggiati dal sottosegretario, Davide Faraone).

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti