Due modi di essere politici del Sud: l’orgoglio di Michele Emiliano e gli ‘ascari’ della Sicilia

Due modi di essere politici del Sud: l’orgoglio di Michele Emiliano e gli ‘ascari’ della Sicilia
2 maggio 2016

Mentre Sabato scorso i politici siciliani ‘scodinzolavano’ al cospetto di Renzi, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, si è rifiutato di firmare il ‘Patto per il Sud’. Denunciando che il Governo nazionale ha scippato al Mezzogiorno circa 20 miliardi di Euro. Soldi del Meridione dirottati, con molta probabilità, nelle Regioni del Centro Nord Italia

Ci sono politici meridionali con la schiena dritta e ci sono quelli che lo scrittore Leonardo Sciascia chiamava “Quaquaraquà”. Alla prima categoria appartiene il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che si è rifiutato di firmare il ‘Patto per il Sud’. Alla seconda categoria appartengono invece i politici siciliani che Sabato scorso si sono andati ad ‘inginocchiare’ al cospetto del capo del Governo, Matteo Renzi.

Sentite con quale dignità politica e con quale orgoglio di uomo del Sud Michele Emiliano, su La Gazzetta del Mezzogiorno it (che potete leggere per esteso qui) manda a quel Paese Renzi e la sua corte dei miracoli:

“Io non ho firmato il ‘Patto per il Sud’ perché nella sostanza non aggiunge nulla a ciò che noi abbiamo già ottenuto e a quello che abbiamo il diritto di ottenere. Se io firmo il ‘Patto per il Sud’ partecipo ad un meccanismo di comunicazione che dà l’impressione che io abbia ottenuto chissà che cosa in più rispetto al dovuto, è evidente che sto facendo cattiva informazione e in più sottoscrivo un forte abbattimento del denaro del Fondo di sviluppo e coesione che, secondo la legge italiana, ammontava a 58 miliardi di Euro, poi scesi a 38 e ora la suddivisione per il patto del Sud di quel fondo dovrebbe essere da 12,8 miliardi di Euro e quindi noi dobbiamo firmare praticamente la riduzione ad un terzo di quelle che erano le somme destinate al Mezzogiorno”.

“Abbiamo ricevuto dalla Repubblica – ha concluso Emiliano – un certo tipo di addestramento per il quale non si può firmare una cosa solo perché vuoi partecipare a tutti i costi. Firmi una cosa se quella cosa ha un significato e un’utilità. Sono convinto che alla fine riuscirò a parlare col Governo, magari con l’aiuto del governatore di Bankitalia (facendo riferimento a Ignazio Visco che gli siede accanto ndr) e a cercare di capire perché non essere ascoltati da un interlocutore che ha intenzione di venirti incontro è una delle ragioni della grande questione meridionale”.

Insomma, Emiliano non solo non ha firmato il ‘Patto per il Sud’, ma ha denunciato il fatto – un fatto grave – che il Governo nazionale di Renzi ha scippato quasi 20 miliardi di Euro alle Regioni del Mezzogiorno per trasferirli, con molta probabilità, alle Regioni del Centro Nord Italia. 

Questo significa fare politica nel Sud. Invece che cosa hanno fatto i vari Davide Faraone, Leoluca Orlando, Enzo Bianco e via continuando, Sabato scorso? Tutti dietro a Renzi a ‘scodinzolare’: tutti dietro al capo del Governo che, in via del tutto speciale, quasi a titolo di ‘regalo’, dà a questi quattro politici siciliani i soldi che sono già dei siciliani e che, anzi, Renzi ha ridotto di un terzo!

Che pena, ragazzi! Passi che a ‘scodinzolare’, in prima fila, c’era il sottosegretario Faraone, che era un signor nessuno che Renzi ha fatto ‘cristiano’. Ma che persone di quasi settant’anni come Orlando e Bianco (che erano già sindaci delle due più grandi città della Sicilia quando Renzi portava ancora i pantaloni corti) si siano prestati a questo gioco, beh, questo è veramente troppo.

Ragazzi, perfino Rosario Crocetta, il presidente della Regione siciliana che h firmato con Renzi il ‘Patto scellerato’ del Giugno 2014 si è tirato indietro. Persino lui che, da tre anni e mezzo, pe ril ‘bene del PD’ indossa i panni dell’ascaro si è tirato indietro.

Credeteci: non vogliamo denigrare Orlando, Bianco e gli altri dirigenti del PD siciliano che si sono prestati a questa farsa: ma non possiamo provare, come dire?, una certa ‘pietà’ politica nel vedere i politici che dovrebbero rappresentare la Sicilia ridotti così. Non ci piace. Ci dispiace. Ci amareggia. Ci getta nello sconforto.

Si possono avere idee politiche diverse. Ma non è giusto vedere una politica siciliana che si umilia così, che diventa proteiforme, che si piega pur di compiacere ai potenti di Roma. Non è giusto. Fate qualcosa: fate qualcosa di meridionale: fate qualcosa che somigli, almeno vagamente, ai reali interessi della Sicilia.

Signori politici siciliani che trattate con il Governo Renzi: prendete esempio dal presidente della Regione Puglia. Fate valere i diritti dei siciliani che rappresentate. Avanti, provateci: metteteci un po’ di orgoglio: fatelo per voi oltre che per la vostra terra!

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti