Autostrada Palermo-Catania: pronta finalmente la bretella: alla buon’ora…

Autostrada Palermo-Catania: pronta finalmente la bretella: alla buon’ora…
16 novembre 2015

Un’opera che in Giappone avrebbero realizzato in tre giorni in Sicilia è stata realizzata dopo sette mesi. Del resto, una ‘colonia’ come la Sicilia cosa può pretendere di più dall’Italia? Anzi che Renzi e l’ANAS, bontà loro, ci hanno fatto questa concessione…

Per realizzare un’opera che un Paese civile avrebbe fatto in una settimana il governo Renzi e l’ANAS hanno impiegato sette mesi. Parliamo della bretella che eviterà agli automobilisti che percorrono l’autostrada Palermo-Catania di arrampicarsi lungo la trazzera dei grillini o ai camionisti di arrivare fino a Polizzi Generosa. Consapevoli di avere fatto ridere il mondo per i sette mesi impiegati per realizzare un’opera banale, sia il capo del governo, sia i ‘capi’ dell’ANAS ci hanno risparmiato l’inaugurazione in pompa magna. Almeno questo.

Per la cronaca, l’autostrada Catania-Palermo è stata chiusa lo scorso aprile. Non è franata: è stata una collina che costeggia l’autostrada che, franando, ha travolto il viadotto Himera. Da allora ad oggi, come in tutte le ‘colonie’ che si ‘rispettino, la Sicilia è stata divisa in due e  gli automobilisti sono stati abbandonati.

Se non fosse stato per la trazzera sistemata dal Comune di Caltavuturo e dai parlamentari del Movimento 5 Stelle dell’Ars (che hanno pagato la realizzazione della trazzera con i soldi delle proprie diarie parlamentari), gli automobilisti si sarebbero dovuti arrampicare fino a Polizzi Generosa, impiegando almeno un’ora e mezza in più (e magari di più trovando un mezzo pesante davanti: cosa che succedeva ordinariamente). Invece, chi in questi sette mesi si è recato da Palermo a Catania (e viceversa), ha avuto la possibilità di percorrere la trazzera, risparmiando almeno tre quarti d’ora di strada.

Da oggi si dovrebbe ritornare alla quasi normalità. La bretella – che arriva con incredibile ritardo – eviterà agli automobilisti almeno tre quarti d’ora di strada. Quanto al nuovo viadotto, i tempi di realizzazione non sono ancora certi: si dovrebbe andare da due-tre anni alle Calende greche…

C’è incertezza anche sui costi del nuovi viadotto: a primo achitto qualcuno ha detto che potrebbe costare 20 milioni di Euro: ma si tratta di una cifra al netto delle perizie di variante e delle tangenti (che, com’è noto, si aggiornano con le perizie di varianti…).

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti