L’ultimo discorso di Enrico Mattei tenuto in Sicilia poche ore prima di morire

L’ultimo discorso di Enrico Mattei tenuto in Sicilia poche ore prima di morire
21 febbraio 2019

In questa prima puntata del nostro racconto del rapporto tra Enrico Mattei e la Sicilia riportiamo il discorso che l’allora presidente dell’ENI tenne a Gagliano Castelferrato, in provincia di Enna, poche ore prima che il suo aereo esplodesse nel cielo di Bascapè. E’ un discorso importante, a futura memoria, dove si dice tutto quello che chi prese il posto di lui all’ENI non fece, trasformando l’avventura siciliana del gas e del petrolio in un incubo che viviamo ancora oggi con le trivelle che scorrazzano nel nostro mare  

Nel sito di informazione Briganti abbiamo trovato l’ultimo discorso di Enrico Mattei tenuto in Sicilia, per la precisione a Gagliano Castelferrato, in provincia di Enna, poche prima che il suo aereo esplodesse nel cielo di Bascapè, alle porte di Milano, il 27 ottobre del 1962. Mattei era il presidente dell’ENI e si batteva contro le ‘Sette sorelle’ del petrolio. Era anche inviso ai francesi.

Era venuto in Sicilia alla fine degli anni ’50, alla ricerca di idrocarburi. E aveva dovuto superare le ostilità di una parte della politica siciliana di quegli anni prona agli interessi degli americani che cercava di sbarragli la strada. Ma di questo qualche accenno lo faremo in un prossimo articolo. Intanto leggiamo insieme questo bellissimo discorso di Mattei.

“Prima di tutto – disse Mattei – desidero ringraziarvi di questa calda accoglienza che abbiamo ricevuto, qui, nel vostro paese. Oggi si affacciano alla mia memoria quegli anni che possiamo considerare lontani, dell’immediato dopoguerra, quando nessuno credeva alle reali possibilità del nostro sottosuolo. Noi cominciammo una lotta dura, fra l’ostilità di coloro che non credevano a queste possibilità dei nostro paese, poi giungemmo alle scoperte della valle Padana che hanno rivoluzionato – come diceva poco prima il vostro onorevole Lo Giudice (Barbalo Lo Giudice, deputato regionale siciliana di quegli anni ndr) – la Valle Padana e l’alta Italia. Quando chiedemmo di venire in Sicilia, trovammo che non eravamo di moda: allora erano in momento favorevole tutte le compagnie petrolifere straniere. Io debbo ringraziare la Regione siciliana di averci dato tutto quello che in pratica era rimasto, che gli altri non avevano scelto. Volevamo dimostrare anche alla Sicilia quello che potevano veramente fare gli italiani, gli italiani che si rendevano conto di quello che poteva significare questo tipo di progresso per la Sicilia”.

“Vennero i nostri primi geologi e gli scienziati – disse ancora l’allora presidente dell’ENI – le prime squadre cominciarono il lavoro, svolto tra l’incredulità ed una certa ostilità. Arrivammo al rinvenimento del petrolio di Gela: a Gela oggi sta sorgendo un enorme complesso. Il vostro presidente (Giuseppe D’Angelo, allora presidente della Regione siciliana ndr), ieri, ci ha onorato di una visita e si è reso conto di che cosa si può fare in Sicilia. Il nostro ringraziamento va a tutti i nostri scienziati, ai nostri operai, ai nostri tecnici, a tutti coloro che giornalmente si impegnano nella dura fatica di trovare nelle viscere della vostra terra le ricchezze che vi sono nascoste. Avete visto con quanto impegno ci siamo messi in questa impresa: momenti di attesa, di speranza, di lavoro duro, di polemiche ideologiche contro di noi. Siamo arrivati a scoprire il metano anche a Gagliano: di questo ringraziamo il Signore Iddio, perché gli uomini possono stabilire con i loro mezzi se ci sono le condizioni favorevoli, ma è solo l’aiuto divino che può far arrivare gli uomini a dei successi”.

“Le risorse e le riserve che sono state messe alla luce sono importanti – disse Mattei – però probabilmente lo saranno ancora di più perché prosegue il lavoro di ricerca dei nostri tecnici. Noi siamo convinti che la vostra terra conserva ancora beni nascosti, perciò noi siamo impegnati con tutti i nostri uomini. Dovete ringraziare veramente il vostro presidente per quello che ha fatto per questo paese, per questa provincia povera. Amici miei, anche io vengo da una provincia povera, da un paese povero come il vostro. Pure oggi c’è qua della nostra gente – io sono marchigiano, quelli sono paesi poverissimi – che viene a lavorare in Sicilia: perché prima di qui, in alta Italia e nel Centro Italia, abbiamo fatto ricerche minerarie come queste, e quindi abbiamo creato le scuole, abbiamo creato gli uomini che operano in Sicilia e pensiamo di mandare anche siciliani in altre zone d’Italia. Poi, con le riserve che sono state accertate, una grande ricchezza è a disposizione della Sicilia”.

Qui arriva forse la parte più importante del discorso di Mattei:

“Amici miei, noi non vi porteremo via niente. Tutto quello che è stato trovato – che abbiamo trovato – è della Sicilia, e il nostro sforzo è stato fatto per la Sicilia e per voi. Giustamente il vostro presidente diceva che noi non abbiamo nessun profitto personale. E’ vero: noi lavoriamo per convinzione. Con la convinzione che il nostro paese, e la Sicilia, e la vostra provincia possano andare verso un maggior benessere; che ci possa essere lavoro per tutti; e si possa andare verso una maggiore dignità personale e una maggiore libertà. Amici miei, io vi dico solo questo: noi ci sentiamo impegnati con voi per quanto c’è da fare in questa terra. Noi non portiamo via il metano; il metano rimane in Sicilia, rimane per le industrie, per tutte le iniziative, per tutto quello che la Sicilia dovrà esprimere”.

Dalla piazza una voce interrompe:

“Così si può levare questa miseria di Gagliano”.

Rivolgendosi all’anonimo, Mattei dice:

“Amico mio, io non so come lei si chiami, ma anch’io ero un povero come lei; e anch’io ho dovuto emigrare perché il mio paese non mi dava lavoro; sono andato al Nord, e adesso dal Nord stiamo tornando al Sud con tutta l’esperienza acquistata. Noi ci impegniamo con le nostre forze, con le nostre conoscenze, con i nostri uomini, a dare tutto il nostro contributo necessario per lo sviluppo e l’industrializzazione della Sicilia e della vostra provincia. Io vi devo chiedere – come ho già chiesto al sindaco – scusa di non essere venuto prima. Ma sono gli impegni che abbiamo in tutto il mondo: ci sono 50 mila persone che oggi operano in questo gruppo; e su 50 mila persone ci sono mille e seicento ingegneri, 3 mila periti industriali e geometri, 2 mila dottori in chimica e in economia, 300 geologi, decine di migliaia di specialisti che si muovono in tutto il mondo. E tutto questo porta lavoro, porta responsabilità, porta un grande impegno; ma io conoscevo esattamente la situazione di Gagliano, delle sue riserve, di questo lavoro, delle possibilità che esistono per l’avvenire. Le abbiamo seguite giorno per giorno, con ansia, e qualche volta, molte volte, ne eravamo felici. Ora su questo si deve innestare un successivo lavoro, si devono innestare industrie che dovranno portare in questa zona benessere e ricchezza. Noi ci impegniamo insieme con voi, con tutti. Potete contare sulla nostra opera, come avete potuto contare su tutto quanto abbiamo compiuto fino ad oggi senza che ci fosse stato richiesto. L’abbiamo compiuto perché sapevamo – se arrivava il successo – di poter raggiungere dei risultati che cambiano la fisionomia della vostra regione. E noi andremo avanti in questo, seguiteremo il nostro lavoro di ricerca perché più risorse vengano reperite, queste risorse sono tesori”.

“I tesori non sono i quintali di monete d’oro, ma le risorse che possono essere messe a disposizione dei lavoro umano – disse il presidente dell’ENI – -. Amici, desidero ancora ringraziarvi per queste vostre accoglienze che io sapevo mi avreste fatto, ma non così calorose come invece ho trovato, perché so che vi rendete conto dello sforzo che abbiamo compiuto e di ciò che vi portiamo, e quindi fra di noi non poteva esserci che simpatia e fiducia. Sapevo che un giorno sarei venuto in mezzo a voi, che voi mi avreste guardato con simpatia e con affetto. Abbiamo discusso, con i vostri rappresentanti, dei vostri problemi, molti dei quali non sono che problemini. Non assorbiremo 70 persone, ma tutti coloro che potrete darmi, tutti, e sarà necessario che tornino molti di quelli che sono andati all’estero perché a Gagliano avremo bisogno anche di loro. Noi non vi porremo dei limiti. Noi vogliamo solo stabilire una collaborazione che duri sempre. C’è una scuola di qualificazione da fare? Mi darete il vostro contributo, indicandomi i corsi che dovranno essere istituiti. Sono piccoli problemi: l’importante è questa enorme massa di risorse che da oggi è messa a disposizione della Sicilia, e sulla quale si potrà e si dovrà costruire, se ci sarà l’impegno di tutti”.

Così parò Enrico Mattei, presidente dell’ENI, due ore prima che il suo areo esplodesse nel cielo di Bascapè…

Fine prima puntata/ Continua

Nella foto sopra tratta da pionierieni.it Enrico Mattei e l’allora presidente della Regione siciliana, Giuseppe D’Angelo

QUI IL DISCORSO DI ENRICO MATTEI A GAGLIANO CASTELFERRATO SUL BLOG BRIGANTI



Commenti