Proposta dei grillini dell’Ars: fare pagare la TOSAP ai gestori del servizio idrico

Proposta dei grillini dell’Ars: fare pagare la TOSAP ai gestori del servizio idrico
22 gennaio 2019

Lo scrivono in un comunicato i parlamentari regionali del Movimento 5 Stelle, Nuccio Di Paola e Giancarlo Cancelleri che hanno presentato un’interrogazione, rivolta all’assessore regionale alle Autonomie locali, Bernadette Grasso, per capire quali sono i Comuni che possono esigere tali quote e in che misura. Il caso del Comune di Campofranco

“I Comuni siciliani sono in perenne difficoltà di bilancio per garantire i servizi ai cittadini? Esiste un tesoretto che non hanno mai utilizzato: facciano pagare la TOSAP, ovvero la Tassa sull’occupazione del suolo pubblico agli enti gestori del servizio idrico anziché vessare sempre e solo i cittadini”.

La proposta arriva dai parlamentari regionali del Movimento 5 Stelle, Nuccio Di Paola e Giancarlo Cancelleri che hanno presentato un’interrogazione rivolta all’assessore regionale alle Autonomie locali, Bernadette Grasso, per capire quali sono i Comuni che possono esigere tali quote e in che misura.

“Il governo Musumeci – sottolineano i due parlamentari grillini – verifichi se e quali Enti locali possono esigere la TOSAP dagli enti gestori del servizio idrico. Grazie al M5S, a Campofranco, nel Nisseno, c’è una sentenza che ha condannato Caltaqua a pagare, si tratta di un fatto replicabile in tutta la regione”.

“Il Comune di Campofranco grazie ai consiglieri comunali M5S – spiegano i deputati – ha fatto una cosa semplicissima: ha effettuato dei calcoli e chiesto a Caltaqua (la società che gestisce il servizio idrico a Caltanissetta e provincia ndr) il pagamento della TOSAP. Dato che l’ente gestore aveva risposto picche, il Comune del Nisseno ha provveduto a formalizzare il ricorso alla Commissione Provinciale di Caltanissetta che ha sentenziato a favore del Comune invitando la società partecipata a pagare gli arretrati dal 2010 che, con la parte relativa al 2018, ammontano a circa 45.000 euro. Lo stesso procedimento è stato adottato anche a Riesi, dove sempre su impulso dei nostri consiglieri comunali, il Comune beneficerà di un corposo assegno da parte del gestore del servizio idrico”.

“Il principio è molto semplice – sottolineano Di Paola e Cancelleri -: allo stesso modo in cui i Comuni chiedono tasse ai propri cittadini per servizi a volte scadenti e spesso iniqui, dovrebbero chiedere con la stessa solerzia ciò che gli spetta, in qualità di tasse, anche a chi gestisce quegli stessi servizi. Ebbene, stando ai calcoli realizzati dai tecnici di un apposito tavolo di lavoro del gruppo M5S di Caltanissetta, se vi fossero le condizioni per le quali chiediamo alla Regione di verificare, le cifre che il Gestore del Servizio Idrico Integrato dovrebbe corrispondere ai Comuni della Provincia di Caltanissetta per il mancato pagamento della TOSAP dal 2013 al 2018 potrebbe ammontare a oltre 3 milioni di euro”.

“Solo a Caltanissetta potrebbero spettare 733 mila euro, oltre 725 mila a Gela, oltre 257 mila a San Cataldo e così via – prosegue il comunicato dei grillini -. Un vero e proprio tesoretto che potrebbe essere tranquillamente reimpiegato per garantire servizi essenziali che oggi non vengono erogati”.

Il ruolo della Regione, concludono i due parlamentari, “dovrebbe essere a questo punto accertare eventuali responsabilità per omissioni da parte di Comuni che avrebbero potuto legittimamente esigere il pagamento della TOSAP da parte delle società di gestione del servizio idrico o, in generale, di aziende che erogano servizi di pubblica utilità”.

P.s.

Cosa s’intende per “Commissione Provinciale di Caltanissetta”? La Commissione tributaria? Forse questo punto andrebbe specificato meglio. 

Foto tratta da comunedispoleto.gov.it



Commenti