Papa Francesco a Palermo? E’ meglio della ZTL…

Papa Francesco a Palermo? E’ meglio della ZTL…
15 settembre 2018

Ieri il quotidiano on line ‘Live Sicilia’ informava che, in occasione della visita del Pontefice nel capoluogo della Sicilia, grazie ai divieti scattati due giorni fa, erano state prelevate circa 300 automobili. Per la ‘gioia’ dei cittadini che avranno un motivo in più per ricordare la visita di Papa Francesco a Palermo…  

Tutto va bene, per il Comune di Palermo, per fare ‘cassa’. Si sa: quando c’è ‘malura’, come si usa dire nel capoluogo siciliano, tutto va bene per di raggiungere il risultato. Per carità: il Papa è il Papa e va protetto: ma se, per l’occasione, si possono appioppare un po’ di multe, beh, tutta salute per le ‘casse’ vuote del Comune.

Eh sì, per l’occasione il divieto di sosta è stato esteso a una vastissima area della città. Papa Francesco è atteso per questa mattina. ma il Comune di Palermo ha anticipato l’ondata di divieti di sosta dalle quattro del mattino del 13 settembre, cioè due giorni fa.

In un articolo di ieri di Live Sicilia leggiamo che – ieri – erano già state rimosse circa 300 euro. Trecento automobilisti che serberanno un ricordo molto contabile della presenza del Santo Padre a Palermo.

La multa per i cittadini distratti ammonta a 41 euro. A questi vanno aggiunti i soldi per il ritiro del mezzo. Un centinaio di euro ‘immortalati’ per la causa comune del Comune e della visita del Papa.

“I proprietari dei mezzi rimossi – spiegano dal comando di via Dogali – possono pagare una cifra inferiore, ovvero 28 euro e settanta centesimi, entro trenta giorni. I garage che si trovano nella zona rossa non saranno utilizzati in questi giorni, in modo da permettere agli interessati di poter ritirare l’auto con facilità”.

Lo stop al traffico durerò fino alle 19 di stasera.

Sempre su Live Sicilia leggiamo le zone della città interdette al traffico automobilistico:

“Niente auto in via Piano Dell’ Ucciardone, via Francesco Crispi, piazza XIII Vittime, via Cala, piazza Capitaneria del Porto, Foro Umberto I, piazza Vincenzo Tumminello, Piano di Sant’Erasmo, piazza Tonnarazza, via Ponte Di Mare, via Messina Marine (tratto compreso tra via Salvatore Cappello e via Ponte di Mare ), via Tiro a Segno, piazza Tiro a Segno, Corso Dei Mille (tratto Tiro a Segno-Decollati), piazza Decollati, via Decollati, corso Dei Mille (tratto Lincoln-Torrelunga), via San Giovanni Di Dio, rotonda Norman Zarcone, via Germanese, via Brancaccio, via San Ciro, via Salvatore Cappello, viale Dei Picciotti, viale Amedeo D’ Aosta, piazzale Anita Garibadi, via Stefano Canzio, via Lincoln, piazza Giulio Cesare, via Roma (tratto Giulio Cesare-Cavour), via Vittorio Emanuele, piazza Vittoria (a partire da via Generale Cadorna), via Matteo Bonello, via delle Scuole, piazzetta Sett’Angeli, via Simone da Bologna, via dell’Incoronazione, via Gioeni, via Fustaca, via Gioiamia, via Gianferraro, viazza Peranni, piazza Papireto, via Papireto, piazzetta Porta Guccia, piazza del Noviziato, via del Noviziato, corso Alberto Amedeo (carreggiata lato mare), piazza Vittorio Emanuele Orlando, corso Finocchiaro Aprile.

E ancora via Nicolò Turrisi, via Volturno, via Villa Filippina, piazza San Francesco Di Paola, via Carini, via Aragona, via Stabile (via Ruggero Settimo-piazza San Francesco di Paola), piazza Giovanni Amendola, via Paternostro, via Brunetto Latini, via D’Acquisto, via De Spuches, via Sammartino (tratto Amendola-Dante), via Dante (tratto Virgilio-Castelnuovo), via Principe Di Villafranca (tratto Sant’ Oliva-Siracusa), via Siracusa, via Della Libertà (tratto Crispi/Mordini-Ruggero Settimo), via Emerico Amari (tratto Ruggero Settimo-Roma), via Scinà (tratto Don Sturzo-La Lumia), via Turati, via Ruggero Settimo (tratto Castelnuovo-Stabile)”.

Per il resto, non ci resta che attendere. Riusciranno i nostri eroi a ricordare Padre Pino Puglisi senza retorica?



Commenti