Il caso Lampedusa, Busalacchi: “Governo Gentiloni e Agenzia delle Entrate si dovrebbero vergognare”

Il caso Lampedusa, Busalacchi: “Governo Gentiloni e Agenzia delle Entrate si dovrebbero vergognare”
11 agosto 2017

“Invito i cittadini, con in testa il sindaco di Lampedusa  alla disobbedienza civile. Noi saremo al loro fianco”

“Su Lampedusa il comportamento del Governo nazionale è vergognoso”. Non usa mezzi termini Franco Busalacchi candidato alla presidenza della Regione siciliana con la lista Sicilia Libera e Sovrana- Noi Siciliani con Busalacchi, nel commentare l’ultima trovata del Governo nazionale che, tramite l’Agenzia delle Entrate, sta provando a recuperare le imposte il cui pagamento era stato sospeso agli abitanti di Lampedusa in seguito ai fatti del 2011, quando l’isola venne invasa dai migranti (qui potete leggere i dettagli del caso).

“Gli abitanti di Lampedusa – sottolinea Busalacchi – hanno pagato e continuano a pagare già un prezzo altissimo per fronteggiare un’emergenza umanitaria. Il capo del Governo, Gentiloni, il Ministro dell’Economia, Padoan, e i vertici dell’Agenzia delle Entrate si dovrebbero vergognare per quello che stanno facendo”.

“Tra l’altro – aggiunge – l’Agenzia delle Entrate romana non dovrebbe mettere piede in Sicilia. Se lo fa è perché gli ascari e venduti che hanno amministrato e continuano ad amministrare la Sicilia non hanno mai istituito l’Agenzia delle Entrate regionale, così come previsto dallo Statuto”.

“Invito i cittadini, con in testa il sindaco di Lampedusa – conclude Busalacchi – alla disobbedienza civile. Noi saremo al loro fianco”.

Lampedusa: udite udite! Roma vuole i tributi sospesi per l’emergenza migranti

L’economista keynesiano Nino Galloni e il filosofo Diego Fusaro nella squadra di Franco Busalacchi


correlati

Commenti