“Soldi pubblici solo per la Sanità pubblica”: il programma di Franco Busalacchi (cap.12)

“Soldi pubblici solo per la Sanità pubblica”: il programma di Franco Busalacchi (cap.12)
29 maggio 2017

Tutti i poteri e le competenze legislative della Regione devono tendere a tradurre nella realtà il giuramento di Ippocrate. Ecco come

Procediamo con la pubblicazione del programma di governo del candidato alla Presidenza della Regione, Franco Busalacchi (qui il suo curriculum, in calce  i precedenti capitoli). 

 

LA SALUTE

Ecco che cosa mi propongo fare per riorganizzare in Sicilia il servizio sanitario. Come tutti sanno, prima di intraprendere la loro professione i medici pronunciano il giuramento di Ippocrate.

Leggiamo uno stralcio dal Giuramento di Ippocrate

Giuro:

· di esercitare la medicina in libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento rifuggendo da ogni indebito condizionamento;

· di perseguire la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell’uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale;

· di curare ogni paziente con eguale scrupolo e impegno, prescindendo da etnia, religione, nazionalità, condizione sociale e ideologia politica e promuovendo l’eliminazione di ogni forma di discriminazione in campo sanitario;

· di attenermi nella mia attività ai principi etici della solidarietà umana contro i quali, nel rispetto della vita e della persona, non utilizzerò mai le mie conoscenze;

· di mettere le mie conoscenze a disposizione del progresso della medicina;

· di affidare la mia reputazione professionale esclusivamente alla mia competenza e alle mie doti morali;

· di evitare, anche al di fuori dell’esercizio professionale, ogni atto e comportamento che possano ledere il decoro e la dignità della professione;

· di rispettare i colleghi anche in caso di contrasto di opinioni; · di rispettare e facilitare il diritto alla libera scelta del medico;

· di prestare assistenza d’urgenza a chi ne abbisogni e di mettermi, in caso di pubblica calamità, a disposizione dell’autorità competente;”

Bello vero? Peccato che per alcuni medici diventi un ricordo, per tanti altri sia una mera formalità. Adesso leggiamo una vecchia filastrocca che sembra giri negli ambienti delle imprese di prestazione di beni e servizi ospedalieri : “I medici ospedalieri apicali si dividono i 4 categorie: Onesti: quelli che destinano le tangenti ricevute alla “formazione” propria e del personale del reparto. Quasi onesti: quelli che destinano le tangenti alla “formazione”propria e della propria “famiglia”. Poco onesti: quelli che prendono le tangenti sottoforma di attrezzature per il proprio studio e la “formazione della “famiglia allargata”. Disonesti: quelli che prendono la tangente direttamente in contanti” Questo è meno bello, ma sarà vero?

Che cosa sono i medici? Uomini e donne, e quindi, deboli, fragili e soggetti a sbagliare. Ma quello che siamo disposti ad accettare (si fa per dire) nei politici e nei pubblici funzionari ci diventa inaccettabile se fatto da un medico. Forse perché nulla è più lontano dalla missione di medico dell’avidità e dell’ingordigia e della corruzione morale. Persone che con la loro scienza sono in grado di alleviare le sofferenze dei propri simili e salvare le loro vite e ne fanno una questione di prezzo sono esecrabili. Persone che antepongono il loro arricchimento materiale al benessere dei malati, dei più deboli e dei poveri sono degli indegni. L’aver pronunciato quel giuramento e averlo infranto dovrebbe avere anche rilievo penale, un valore di aggravante e far “guadagnare” ai medici fedifraghi condannati un “bonus” di due anni di carcere in più.

Chi governa ha il dovere di capire e fare capire con ogni mezzo lecito che quel giuramento non è una vuota formalità, ma un impegno personale e sociale che è persino quantificabile in termini economici e deve fare in modo che in ogni attività medica sia svolta secondo le regole sapendo che così facendo crea un risparmio per investimenti per altra attività medica.

Ma in Sicilia quel dovere deve diventare un imperativo categorico. E tutti i poteri e le competenze legislative della Regione devono tendere a quel fine.

Ecco i punti nodali su cui intervenire.

1) La sanità è pubblica. Il pubblico denaro deve essere utilizzato per la sanità pubblica. Chi non è soddisfatto della sanità pubblica e preferisce la sanità privata, padronissimo! Paghi e sia sano e felice.

2) I medici sono o pubblici o privati. E’ una scelta di vita. Non saranno consentite babbiate tipo dentro le mura, fuori le mura, sopra le mura o sotto le mura e simili mezzucci. Sono privilegi belli e buoni e io mi chiedo perché scandalizzarsi per i privilegi dei funzionari pubblici e tacere di quelli dei medici pubblici. Forse perché la loro lobby è più forte?

3) La prevenzione deve essere la via maestra. In un arco temporale definito (una legislatura, 5 anni), il rapporto tra prevenzione e cura deve essere tendenzialmente rovesciato.

4) Le liste attesa devono essere azzerate subito.

5) Le aree di emergenza devono essere decongestionate e rese un luogo delle istituzioni “umane”.

6) Le gare pubbliche devono essere centralizzate.

Quello che segue è il progetto operativo – Riorganizzazione regionale

Unificazione del sociale in capo all’assessorato alla Salute al fine di attuare una effettiva integrazione tra sociale e sanitario (Assessorato alle politiche sociali e sanitarie)

Le Liste di attesa

Azzeramento delle liste di attesa attribuendo la gestione delle visite ambulatoriali solo agli ospedali. Passaggio dell’attività ambulatoriale convenzionata dal distretto sanitario all’ospedale e potenziamento e gestione del CUP (Centro Unico di Prenotazioni) in unica centrale (per evitare la duplicazione delle prenotazioni).

Esenzione dal ticket

Le prestazioni sanitarie saranno totalmente gratuite per i cittadini di età inferiore a sei anni (e superiore a sessantacinque anni), appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a 36.151,98 euro (CODICE E01);

Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico.

Aree di emergenza

Nelle aree di emergenza delle Aziende Ospedaliere e per i presidi ospedalieri dei Comuni capoluoghi di provincia sarà allocato un presidio di medici convenzionati (medici ambulatoriali interni). Detti medici visiteranno gli abitanti a cui è stato assegnato, dal triage, codice bianco (non critico) o verde (poco critico) Quindi le aree di emergenza degli ospedali visiteranno solo i codici rossi (molto critico) e gialli (mediamente critico). (Da notare che su 1.100.000 accessi ai Pronto soccorso siciliani, 800.000 circa sono bianchi e verdi, 73% circa). Prevenzione Patologie orali odontoiatria per i cittadini con età 0-14 anni (offerta attiva da parte del SSN) visita ed estrazioni, chirurgia paradontale, chirurgia orale ricostruttiva, ablazione del tartaro. Tumori e screening Malattie cardiovascolari. Diabete Respiratorie croniche Disturbi psichiatrici. Cecità e ipovisione. Ipoacusia e sordità. Prevenzione e sorveglianza della disabilità e della non autosufficienza. Sicurezza alimentare. Malattie infettive. Ambienti vita. Inquinamento atmosferico e qualità dell’aria.Acque di balneazioni. Sanità veterinaria.

Ospedalità pubblica-  Obbiettivi prioritari:

1. A) Mantenimento della spesa all’interno del 44% del F. S. R. 2.

1. B) Riorganizzazione e potenziamento della rete pubblica e contestuale diminuzione delle Unità Operative semplici e complesse.

2) Riorganizzazione degli ospedali delle ASP con il potenziamento di quelli più grandi e riconversione dei piccoli ospedali in Ospedali di Comunità (sono strutture intermedie tra l’assistenza domiciliare e l’ospedale, in sostanza un ponte tra i servizi territoriali e l’ospedale per tutte quelle persone che non hanno necessità di essere ricoverate in reparti specialistici, ma necessitano di un’assistenza sanitaria che non potrebbero ricevere a domicilio).

3) Incremento dell’attività ambulatoriale pubblica con il passaggio dell’attività ambulatoriale convenzionata dal distretto all’ospedale al fine di ridurre le liste di attesa .

Ospedalità privata

1)Diminuzione dei contratti con le strutture private (gli accordi contrattuali di cui all’articolo 8-quinquies del D. L.vo 502/92). Devono essere ridotti del 15% i posti letto per acuti il primo anno e del 10% anno per gli altri quattro anni, mantenendole prestazioni sanitarie per le quali c’è maggiore mobilità sanitaria verso altre regioni ed aumentando i posti letto di lungo degenza e riabilitazione.

Riorganizzazione del 118 con la riduzione reale ad una sola centrale operativa che deve avere, anche, il coordinamento regionale dell’attività del servizi urgenza emergenza sanitaria e il coordinamento e delle ambulanze/postazioni. Le postazioni delle ambulanze devono essere distribuite tenuto conto della riorganizzazione della rete ospedaliera.

Implementazione e riorganizzazione del rischio clinico, al fine di ridurre al minimo i casi di malasanità. Ospedalità ambulatoriale privata convenzionata (specialistica esterna). Riduzione del 10% annuo del tetto di spesa per i laboratori di analisi e per la Fisiokinesiterapia con diminuzione dei contratti con le strutture private ( accordi contrattuali di cui all’articolo 8-quinquies del D. L.vo 502/92).

Riconversione della spesa in ambulatoriale pubblica. Ospedalità distrettuale

• Potenziamento, nei Comuni dove non insiste un ospedale pubblico, dell’ambulatoriale pubblica e dei PTA (Presidio Territoriale di Assistenza sono strutture che includono servizi territoriali e anche poliambulatori. Nei PTA è possibile effettuare anche esami di laboratorio, diagnostica, ricevere assistenza infermieristica.

• Assistenza domiciliare e residenziale; estensione a tutta la popolazione che ne ha diritto. Riorganizzazione dell’assistenza su base provinciale con il potenziamento nelle province carenti (utilizzando anche le IPAB)

• Riorganizzazione delle RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali), avuto

riguardo alle realtà provinciali e notevole incremento nel quinquennio, utilizzando i risparmi con la centralizzazione dei servizi e degli acquisti, con particolare riferimento a quelle per utenti con Alzheimer o demenza senile. (Abitanti sopra i 65 anni 270.000 circa)

Numero posti letto di Residenze Sanitarie Assistenziali da realizzare nel quinquennio • Autorizzare 000 • Accreditare e contrattualizzare 000 • Accreditare e contrattualizzare Per Alzheimer e lungo degenti 1.500

Spesa farmaceutica

Riconduzione della spesa farmaceutica territoriale entro il tetto previsto dalla normativa nazionale comprensiva della spesa ospedaliera (Pay back e distribuzione diretta).

Franco Busalacchi: ecco il mio programma per governare la Sicilia (parte prima)

Franco Busalacchi: reddito di cittadinanza e lotta alle mafie. Ecco il mio programma (parte seconda) 

Tra Autonomia e democrazia negata: il programma di Franco Busalacchi (parte terza)

Dalla burocrazia al precariato: il programma di F. Busalacchi in pillole (parte quarta)

“Ecco la mia sfida allo Stato”: il programma di Franco Busalacchi (parte quinta)

Ecco come risollevare la nostra economia: il programma di F. Busalacchi (parte sesta)

“Alta Corte e riduzione al 30% delle indennità dei politici”: il programma di Franco Busalacchi (parte settima)

La riforma della PA e la fine del precariato: il programma di Franco Busalacchi (cap. 8)

“Ricominciamo dalla scuola”: il programma di Franco Busalacchi (cap.9)

AVVISO AI NOSTRI LETTORI

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il sito d'informazione InuoviVespri.it interessante, se vuoi puoi anche sostenerlo con una donazione. I InuoviVespri.it è un sito d'informazione indipendente che risponde soltato ai giornalisti che lo gestiscono. La nostra unica forza sta nei lettori che ci seguono e, possibilmente, che ci sostengono con il loro libero contributo.
-La redazione
Effettua una donazione con paypal


Commenti