Grano ‘avvelenato’, interrogazione al ministro della Salute-Sanità, Grillo: “E’ una questione di salute”

Grano ‘avvelenato’, interrogazione al ministro della Salute-Sanità, Grillo: “E’ una questione di salute”
10 ottobre 2018

Inutile aspettarsi qualcosa dal Ministro delle Politiche Agricole, il leghista ‘doc’ Gian Marco Centinaio. Così, la deputata nazionale del Movimento 5 Stelle, Maria Marzana, si rivolge alla compagna di partito, nonché ministro della Salute Giulia Grillo…

Qualcuno ha notizie del ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali?? Qui al Sud non è pervenuto. E sarà certo una coincidenza che parliamo di un esponente della Lega. Partito che, durante la campagna elettorale, pure si era mostrato interessato ai temi della ‘sovranità alimentare’, intesa come difesa dell’agricoltura italiana e dei prodotti made in Italy.

L’argomento è particolarmente importante per il Sud Italia. E questo, forse, spiega, la latitanza del Ministro Gian Marco Centinaio. Che ha già fatto orecchie da mercante sull’incredibile caso del grano ‘Senatore Cappelli’ (una varietà finita in mano ad un gruppo privato in condizioni di monopolio, ve ne parliamo qui) e che continua a tapparsi le orecchie sulla madre di tutte le battaglie: lo stop al grano duro di pessima qualità che continuiamo ad importare a scapito dell’agricoltura del Mezzogiorno e, soprattutto, a scapito della nostra salute.

Un tema che abbiamo affrontato in lungo e in largo (in calce alla pagina trovate alcuni approfondimenti negli articoli correlati) e che ci ha visti protagonisti di una battaglia legale conclusasi a nostro favore davanti al Tribunale di Roma. In pratica, le multinazionali della pasta, che hanno usato (e usano?) grano importato contenente sostanze insalubri, non avevano gradito le nostre denunce. Ma avevamo ragione noi.

Tornando al nostro ministro leghista, non abbiamo sentito ancora una parola sul caso. E, forse, sapendo che non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire, eccoci davanti ad una interrogazione rivolta non a lui, ma al ministro per la Salute, Giulia Grillo. Che, certamente, potrà fare la sua parte, ma è chiaro che su, un argomento del genere, l’intervento del Ministro che si occupa di agricoltura sarebbe stato doveroso.

A presentare l’interrogazione è un esponente del M5S, lo stesso partito del ministro Grillo. Parliamo della deputata nazionale di Rosolini (Siracusa), Maria Marzana che chiede quanto segue:

” Rafforzare i controlli sul grano anche proveniente da Paesi UE per verificare la presenza di glifosato e micotossine e attivare i controlli sulla farina che potrebbe contenere nanoparticelle di metalli pesanti”

“Il nostro è il Paese – continua Marzana – con il maggiore consumo di pasta al mondo ed è al primo posto come produzione, ma dobbiamo sopperire circa il 30% del nostro fabbisogno con grano estero“.

“A differenza del grano proveniente da Paesi extra-UE, quello che arriva da un Paese europeo non subisce ulteriori controlli rispetto a quelli effettuati nel porto di partenza, oppure dopo un eventuale primo sdoganamento. Di conseguenza c’è il rischio che questo grano contenga glifosato e micotossine, in quanto il glifosato non è stato bandito in pre raccolta in tutti i Paesi europei, come in Italia”.

La parlamentare si riferisce alla pratica di utilizzo del glifosato per accelerare la maturazione della pianta, lì dove le condizioni meteorologiche sono ostili. Ed è proprio questa pratica ad ‘avvelenare’ il grano duro con questo diserbante.

Maria Marzana

“Inoltre uno cattivo stato di conservazione durante il trasporto potrebbe favorire la proliferazione di micotossine”, e questo avviene alquanto spesso, con riferimento alle micotossine DON.

“Per questo ho richiesto al Ministro della Salute di rafforzare i controlli sul grano importato. Inoltre ho richiesto controlli sulla farina prodotta in quanto ricerche testimoniano il rischio che contenga residui di metalli pesanti a causa dell’utilizzo di macine obsolete, oppure il rischio che sviluppi ulteriori livelli di micotossine, a causa delle cattive condizioni igieniche dei silos, dove la conservazione può durare anche per diversi anni”.

“La salute dei cittadini – conclude la deputata del M5S – è al centro di questa azione e come componente della Commissione Agricoltura sento il dovere di intervenire in difesa dei consumatori dal rischio di assunzione di queste sostanze pericolose per la salute, nonché in difesa del reddito e della salubrità del grano duro prodotto dai nostri agricoltori”.

Vedremo cosa (e se) risponderà la ministra Grillo, che, peraltro, è siciliana. Visto che dai leghisti noi del Sud non ci aspettiamo nulla. E visto che già con il ‘caso’ della varietà di grano duro Senatore Cappelli che, lo ricordiamo, è stato uno scippo  del Centro Nord ai danni del Sud, hanno già mostrato in che direzione vanno i loro interessi. Il sospetto è che lo sappia bene anche la parlamentare di Rosolini che, pur essendo componente della Commissione Agricoltura, ha preferito rivolgersi ad altro ministero.

 

 

 


Articoli Correlati

Allegria, sono tornare le navi cariche di grano duro canadese!

di I Nuovi Vespri

Grano duro: contratti di filiera in Sicilia? Piacciono solo alla Coldiretti. Il resto è un coro di “No”

di I Nuovi Vespri

Cosimo Gioia sul glifosato: denunciamo le autorità europee, nazionali e regionali

di I Nuovi Vespri

Un marchio per il grano duro del Sud per dire basta ai grani esteri contaminati da glifosato e micotossine

di I Nuovi Vespri

Ecco otto marche di spaghetti ‘Bio’ che non contengono glifosato

di Giulio Ambrosetti

Tutto quello che è necessario sapere sulle micotossine nei cereali: origine, rischi, soluzioni

di I Nuovi Vespri

Cinque navi cariche di grano (in parte canadese) in arrivo nel porto di Bari: buon appetito Italia!

di I Nuovi Vespri

Sorpresa: il Nord Africa per fare il cus cus non vuole il grano canadese, ma quello siciliano e pugliese!

di Giulio Ambrosetti

Battaglia del grano: I Nuovi Vespri e GranoSalus vincono in Tribunale contro Aidepi, Barilla, De Cecco, Divella, La Molisana e Garofalo

di Giulio Ambrosetti

L’etichettatura della pasta? Non serve a niente! Semmai servono i controlli su glifosato e micotossine

di Giulio Ambrosetti

Grano duro estero: I Nuovi Vespri e GranoSalus vincono in Tribunale contro le multinazionali della pasta

di I Nuovi Vespri

Inchiesta/ Basta con il glutine? Meglio eliminare pasta e pane con micotossine DON e glifosato

di Giulio Ambrosetti

Le denunce di GranoSalus, il sistema CETA, le navi al veleno e la pasta al glifosato e alle micotossine ‘made in Italy’…

di Giulio Ambrosetti

Oscar Farinetti dà lezioni di politica ai Siciliani: senti un po’ da quale pulpito….

di I Nuovi Vespri

E la Sicilia affonda: grano avvelenato, uva e arance africane, pomodori cinesi, Crocetta ‘minacciato’ e l’Ars in vacanza…

di I Nuovi Vespri

Dobbiamo fermare l’importazione in Sicilia di grano avvelenato

di Franco Busalacchi


Commenti