Ars: due deputati di Fratelli d’Italia in viaggio’ verso La Lega di Salvini

Ars: due deputati di Fratelli d’Italia in viaggio’ verso La Lega di Salvini
13 luglio 2018

Si tratta di un’indiscrezione, I nomi sarebbero quelli di Gaetano Galvagno e di Antonio Catalfano. Alla mossa dei due parlamentari non sarebbe estraneo il Presidente della Regione, Nello Musumeci, che già da tempo ha iniziato a ‘smarcarsi’ da Forza Italia di Gianfranco Miccichè. Quest’ultimo ha preparato un nuovo ‘capolavoro’: la nomina di Elvira Amata alla presidenza della commissione per la riforma dello Statuto…

L’ultima trovate di Gianfranco Miccichè, presidente del Parlamento siciliano, per evitare il rafforzamento della Lega di Matteo Salvini nell’Isola è la ‘promozione’ di Elvira Amata a presidente della commissione speciale per la riforma dello Statuto. Si tratta di una parlamentare di Fratelli d’Italia eletta nel listino. Con questa mossa Miccichè spera che la Amata non aderisca alla Lega come si vocifera faranno gli altri due deputati di Fratelli d’Italia, Antonio Catalfamo e Gaetano Galvagno.

Insomma, Miccichè va dicendo in giro che l’alleanza con il Presidente della regione, Nello Musumeci, è salda, che tutto va bene (a parte la Sicilia, ovviamente, che va a rotoli: ma questo è un ‘dettaglio’), che non ci sono frizioni dentro la maggioranza di centrodestra e bla bla bla.

Dopo di che, Musumeci fa la sua strada saldando sempre di più i propri destini con quelli della Lega. Difficile pensare, infatti, che due parlamentari di Fratelli d’Italia passino con il partito di Salvini senza un accordo complessivo sulla presa di distanza da Forza Italia.

Miccichè, in realtà, prova a parare la ‘botta’. Ha cambiato il regolamento dell’Assemblea regionale siciliana per nominare due nuovi deputati segretari: il già citato Galvagno ed Edy Tamajo. Quest’ultimo, eletto in Sicilia futura di Salvatore ‘Totò Cardinale’ da Mussumeli – quindi nel centrosinistra – si è già sistemato nel centrodestra all’ombra di Miccichè.

Volendo, deputato segretario significa far parte del Consiglio di presidenza dell’Ars (una sorta di ‘consiglio di amministrazione’ del Parlamento siciliano dove si partecipa agli ‘acquisti’, dalla gestione del ‘Palazzo’, con feste, festini e appalti vari ad altri ‘ammennicoli’ con un bell’aumento di indennità parlamentare).

Come potete notare, mentre la Camera dei deputati dimezza i vitalizi agli ex parlamentari, il presidente Miccichè aumenta il numero dei deputati segretari e amplia il ‘desco’ di Palazzo Reale aprendo la porta a Totò Cardinale (quest’ultimo, in verità, ha cercato, il suo fido parlamentare regionale, Nicola D’Agostino, di acciuffare anche un assessorato nella nuova amministrazione comunale di Catania: ma il sindaco Salvo Pogliese per ora non sembra molto di intruppare un ‘cardinaleo’ nella sua amministrazione…).

Nonostante tutti questi ‘giochi di prestigio’ con le poltrone Miccichè è comunque destinato a vedere due deputati di Fratelli d’Italia passare, armi e bagagli, con la Lega di Salvini? Così si sussurra nel ‘Palazzo’.

La Elvira Amata, però, Gianfranco è riuscita a ‘placcarla’. La deputata di Fratelli d’Italia sarà la nuova presidentessa della commissione speciale per la riforma dello Statuto.

Alle spalle, la Amata, sembra abbia una grande conoscenza dello Statuto, della storia dell’Autonomia siciliana e, si dice, anche della storia della Sicilia e, forse, anche della storia dell’universo mondo. La sua sarà senz’altro una presidenza che qualificherà la commissione legislativa che dovrebbe preparare la riforma dello Statuto siciliano…

P.s.

Detto questo, non possiamo che fare i complimenti a Giorgia Meloni, la leader di Fratelli d’Italia: con un partito che ha a malapena superato lo sbarramento si ritrova con tre deputati tutti con incarico (Antonio Catalfamo capogruppo, Gaetano Galvagno nel consiglio di presidenza dell’Ars, Elvira Amata presidente della commissione Statuto e Sandro Pappalardo, assessore regionale al Turismo). E, in più, ora, si prende mezza Lega in Sicilia: nemmeno un vecchio democristiano sarebbe stato così abile! 

 

 

 



Commenti