Vertenza CAS: vince l’ORSA, perdono i sindacati che volevano sbattere fuori la stessa ORSA

Vertenza CAS: vince l’ORSA, perdono i sindacati che volevano sbattere fuori la stessa ORSA
10 maggio 2018

I sindacati confederali e altre sigle sindacali non ne volevano sapere di sedersi al tavolo con il Governo per discutere del Consorzio Autostrade Siciliane (CAS) insieme con il sindacato ORSA. Ma l’assessore alle Infrastrutture Marco Falcone ha ignorato il “No” dei sindacati tradizionali e ha convocato pure i rappresentanti dell’ORSA. Esploderà il caso degli straordinari “a tignitè”? 

Alla fine i sindacati confederali e le altre organizzazioni sindacali che, nella vertenza del CAS (Consorzio Autostrade Siciliane), hanno tentato di sbarrare la strada al sindacato ORSA sono stati sconfitti. Confederali e altre sigle sindacali avevano invitato l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, a non convocare al tavolo della vertenza CAS i sindacalisti dell’ORSA. Ma l’assessore Falcone li ha ignorati e ha convocato anche i rappresentanti del sindacato ORSA.

Il testo della convocazione della riunione tra assessorato e sindacati, formato dal capo di gabinetto dell’assessore Falcone, Ettore Foti, chiama a raccolta tutte le sigle: CGIL, CISl, UIL, UGL, SLA CISAL, LATA Trasporti, CUB, COBAS-CODIR, SADIRS-CISAS, SIAD e, appunto, ORSA.

Una ‘lavata di faccia’ per tutte le organizzazioni sindacali che non vogliono sedersi al tavolo con i sindacalisti ORSA, gli unici ad aver denunciato le incredibili magagne che vanno in scena negli uffici del CAS.

Intanto i vertici del sindacato ORSA gongolano. E in un comunicato ringraziano:

“Al Governo regionale, all’Assessore alle Infrastrutture e della Mobilità dott. Marco Falcone , questa O.S. esprime un sentito ringraziamento per la sensibilità dimostrata alla vicenda dei precari trimestrali del Cas, con la convocazione del 15 maggio p.v. Questo sindacato rivendica il risultato ottenuto, senza che i lavoratori che tutela e rappresenta, si siano determinati in forme di protesta che avrebbero causato disagi all’amministrazione del CAS e all’utenza. Ricordiamo che i precari trimestrali sono stati esclusi dal circuito lavorativo del CAS dal lontano 2010; auspichiamo che insieme alle altre forze sindacali si possa concludere in maniera positiva e soddisfacente l’annosa questione e la conclusione di tutte le contrarietà. Con l’ausilio di detto personale, proveniente dalla ex graduatoria per assunzioni del personale trimestrale e part time, sarà possibile per il CAS offrire più servizi a un’utenza già per troppi anni disagiata. Il Sindacato OR.S.A. Sicilia augura una futura e proficua collaborazione con l’Assessorato e i nuovi vertici del CAS”.

Non solo i sindacalisti del CAS ringraziano il Governo regionale e, in particolare, l’assessore Falcone, ma mettono anche il dito nella piaga, rispolverano la vertenza dei lavoratori precari sbattuti fuori nel 2010. Vicenda incredibile che ha dato luogo a lavoro straordinario a “tignitè” per alcuni dipendenti del Consorzio per le Autostrade Siciliane (COME POTETE LEGGERE O RILEGGERE NEGLI ARTICOLO ALLEGATI IN CALCE).

Ora bisognerà capire come reagiranno i sindacati anti-ORSA.

Intanto dalle parti dell’ORSA si festeggia. Della serie, prendi e porta a casa!

Un casellante del CAS delle autostrade Pa-Me e Me-Ct guadagna 4 mila e 500 euro al mese!

Autostrade del CAS e straordinario a tignitè: così è se vi pare (e se non vi pare è così lo stesso)

CAS: sei sigle sindacali contro il sindacato Orsa. Che annuncia ‘cosi ‘i rumpiri’ nelle autostrade…

Il problema del CAS? Non solo i casellanti, ma tutto l’ente

Presidente Musumeci e assessore Falcone: che farete con le autostrade e le strade?

 

 



Commenti