Sgarbi piomba sulle elezioni siciliane e chiede aiuto a Totò Cuffaro

Sgarbi piomba sulle elezioni siciliane e chiede aiuto a Totò Cuffaro
1 settembre 2017

Dice di volersi candidare alla Presidenza della Regione siciliana. E incensa l’ex governatore dell’Isola. Non sappiamo se sia una sceneggiata o un modo come un altro per sparigliare le carte del centrodestra. O magari per entrare nel Governo in caso di vittoria di Musumeci…

Dice di volersi candidare alla Presidenza della Regione siciliana. Puntando sull’appoggio di Totò Cuffaro. Che, in teoria, dovrebbe essere già impegnato, attraverso Roberto Lagalla, con la  coalizione che sostiene Nello Musumeci.

Vittorio Sgarbi irrompe  sulla scena delle elezioni regionali con l’annuncio di una sua candidatura che, se si concretizzasse, di certo servirebbe a sparigliare un poco le carte del centrodestra. A meno che non si tratti solo di una delle solite sceneggiate provocatorie del noto critico d’arte. O magari la solita maniera di chiedere un assessorato, nel caso di vittoria del candidato del centrodestra, Nello Musumeci. Vedremo nei prossimi giorni cosa succederà.

Intanto, ha confessato candidamente il suo attaccamento a Totò Cuffaro in un’intervista rilasciata a LiveSicilia:

“Io chiedo i voti di Cuffaro e chiedo che Cuffaro appoggi questa lista. Non mi vergogno di Cuffaro, la cui condanna fu invece una vergogna. Io l’antimafia che cerca la trattativa del ’92 processando Mori la ritengo una espropriazione della Sicilia. La mafia è quella che combatto io, quella dell’eolico, contro cui mi sono battuto”.

Al giornalista che gli ricorda che Cuffaro è già impegnato con Musumeci risponde che non è così:

“Lui odia Musumeci che lo ha insultato”.

Sgarbi dice anche di essere stato ‘corteggiato’ sia da Musumeci che da Rosario Crocetta (per un posto in lista). E poi, con la sua solita modestia, si scaglia contro il candidato M5S, Giancarlo Cancelleri, reo di non avere la laurea-  forse non si è accorto che la laurea di molti dei nostri politici non ha impedito loro di governare malissimo – e contro gli altri che non sono nessuno.

Al di là delle dichiarazioni effervescenti che fanno parte del personaggio, vedremo nei prossimi giorni chi sta mettendo in scena questa commedia e con quale fine.


correlati

Commenti