15
Lug
2017
0

I 50 migranti deportati nel Messinese: di scena la politica siciliana che si ‘prostituisce’

In Sicilia le Prefetture dovrebbero essere già scomparse. Invece resistono, relitti di una concezione centralistica e savoiardo-bonapartista dello Stato dura a morire. E adesso dirottano nei Comuni i migranti senza nemmeno raccordarsi con i sindaci. Per il Governo regionale è tutto regolare?

Che c’entra l’Autonomia siciliano coi migranti? C’entra eccome!

Se le cose stessero come dovrebbero stare le Prefetture, in Sicilia, sarebbero scomparse da decenni e i loro poteri attribuiti al Presidente della Regione e ai Sindaci. E invece resistono, relitti sopravvissuti ad una concezione centralistica e savoiardo-bonapartista dello Stato dura a morire, in patente contraddizione con le istituzioni regionali e, segnatamente, con quella della Regione siciliana il cui Statuto speciale prevede che il responsabile della sicurezza in Sicilia è il Presidente della Regione.

Non solo. Non viene neppure viene applicata una norma altocommissariale ancora vigente secondo la quale spetta al Presidente del Regione il potere di coordinare l’attività dei prefetti.

E invece che cosa succede con Rosario Crocetta e con gli altri ‘servi’?

Succede che un prefetto autocrate, in perfetta solitudine, disponga la ‘deportazione’ di 50 migranti in un paesino del Messinese e l’apertura di un albergo chiuso per inagibilità per ricoverarli, a quanto pare senza nessun raccordo con il sindaco.

Ma dove siamo: in Sicilia o in Tanganica?

Ma è mai possibile che questi nostri politici senza dignità, per restare a galla, si prostituiscano a tal punto?

TAG ARTICOLO

Tags: , , ,

Ti potrebbero interessare

Migranti: situazione ingovernabile. E la Sicilia rischia di diventare una polveriera
Bilancio regionale 2016: verso la ‘parifica’ da parte della Corte dei Conti
Il grande papocchio delle ex Province: la ‘guerra’ è per i fondi delle Città Metropolitane
Roma si vuole tenere i 162 milioni di euro che si è impegnata a versare alla Regione siciliana?

Lascia il tuo commento