9
Giu
2017
0

Nadia Spallitta: con la rielezione di Orlando, nel Consiglio comunale prevarrebbe la destra

Secondo la candidata a sindaco dei Verdi, tra i candidati al Consiglio comunale presenti nelle liste di Leoluca Orlando e di Fabrizio Ferrandelli si registra una netta prevalenza di soggetti che provengono da Forza Italia, UDC ed Mpa. Sono questi soggetti che, a parere di Nadia Spallitta, potrebbero risultare eletti e controllare il nuovo Consiglio comunale…  

da Nadia Spallitta
candidata a sindaco di Palermo
riceviamo e volentieri pubblichiamo

Sono preoccupata per lo spostamento a destra del nuovo Consiglio comunale di Palermo che potrebbe verificarsi anche a causa della costituzione di una coalizione che il sindaco uscente, Leoluca Orlando, ha formato anche con componenti molto storicamente appartenenti all’area del centrodestra. La presenza e l’alta probabilità di elezione nella coalizione che lo sostiene di esponenti molto forti elettoralmente provenienti da Forza Italia, UDC, Mpa – unitamente alle altre componenti dello schieramento di Fabrizio Ferrandelli e della destra – mettono a mio avviso seriamente a rischio la presenza di una significativa rappresentanza di valori e ideali dell’area progressista e di sinistra nel prossimo Consiglio comunale, rischio ancora più elevato se Orlando dovesse vincere al primo turno senza ottenere il premio di maggioranza.

Il progetto che ho avviato con i Verdi è l’unico che garantisca l’attuazione dei principi progressisti indispensabili alla salvaguardia dei valori di solidarietà sociale, cultura, tutela dell’ambiente, accoglienza, contrasto alla povertà e attuazione della green economy nel governo della cosa pubblica, che hanno da sempre caratterizzato le posizioni l’arra del centrosinistra.

Da leggere anche:

Nadia Spallitta e Carmelo Sardegna all’attacco sulla ZTL: “Rischio di danno erariale”

TAG ARTICOLO

Tags: , , , ,

Ti potrebbero interessare

EDITORIALE/ Cari Siciliani, non siete ancora stanchi del puttaniere di Arcore e dei suoi tirapiedi?
Sorpresa: i palermitani, nel 2016, hanno pagato 150 milioni di euro di tasse comunali in più!
La feccia politica siciliana: per colpa di questi signori, ogni anno 25 mila giovani lasciano la Sicilia!
Beppe De Santis: “Per la vecchia politica siciliana, con l’alleanza tra M5S e Sovranisti la paura fa 90”

1 Response

  1. Pingback : Come nelle elezioni regionali del 2008, a Palermo si assiste a un rimescolamento di voti | TimeSicilia

Lascia il tuo commento