16
Dic
2016
0

Per l’ISTAT la Sicilia è ultima in tutto. Mandiamo a casa i politici ladri, criminali e traditori

C’è un parallellismo tra scarafaggi e zecche e la vecchia politica siciliana. Gli scarafaggi e le zecche vivono e prosperano nella sporcizia. La vecchia politica siciliana vive e prospera in un particolare tipo di ‘sporcizia’, là dove trionfano le ruberie, gli atti criminali e i tradimenti. Il tutto all’ombra del trasformismo. E mentre loro prendono e ingrassano, tantissimi giovani siciliani validi sono costretti a emigrare. Mandiamo i vecchi politici a casa, per sempre

I dati ISTAT ci consegnano la Sicilia che vogliono i politici siciliani rinnegati al potere. Ultima, senza speranza, senza dignità, il terreno favorevole alla coltura del voto di scambio, del ricatto politico, del do ut des, del piccolo favore.

Un habitat sporco e miserabile, dove zecche e scarafaggi vivono e prosperano alla grande. Avete mai visto in una cucina linda e disinfettata a dovere insetti di qualunque tipo? Certamente no. Eccovi la risposta.

Una politica criminale fatta da criminali che, visti i risultati, sono equiparabili a criminali contro l’umanità. Esagerato? E perché? Come definite quelli che riducono in stato di povertà un quarto della popolazione amministrata, mentre loro   vivono nel  lusso?  Chi sono, i Borbone di Francia o satrapi orientali? La Charitas da una parte e le brioches dall’altra?

Sono peggio: sono persone senza dignità, né onore che approfittano dell’altrui stato di bisogno, della stupidità e della dabbenaggine di chi gli dà fiducia e li vota in cambio di niente.

Però sono alla frutta, perché quando le risorse sono modeste e andrebbero amministrare con equità e parsimonia la bella vita si può fare da pochi solo affamando i molti  ricattando, e vessando gli altri .

Esagerato? Chiedete a voi stessi: dove sono i nostri figli? Dove andranno i nostri figli, che cosa faranno i nostri figli?

Solo se appartenete al cerchio magico di Rosario Crocetta, Giovanni Ardizzone e company  potrete rispondere:

”A casa, al calduccio”.

Tutti gli altri, e sono la maggioranza nell’Isola e saranno maggioranza anche alle urne, rispondono:

“Sono dovuti partire”.

Questi criminali contro l’umanità hanno svenduto la Sicilia allo Stato italiano e quello che lo Stato gli ha lasciato lo sperperano in favori, prebende e ricchi premi per sé e gli amici.

Mandiamoli a casa noi, ché questi da soli, a casa. non ci andranno mai!

TAG ARTICOLO

Tags: , , , ,

1 Response

  1. Una buona parte di colpa abbonda in una buona
    fetta di popolazione siciliana, sono passivi e
    addormentati, subiscono oltre ogni limite le
    angherie di uno stato fasullo e falso (vedi ruberie
    e inquinamento continuo e pericoloso ) ora
    abbiamo pure centinaia di camion che portano
    nell’isola le polveri di Taranto, è attivo solo Don
    Prisutto, i giovani anziché domandarsi perché non
    trovano lavoro a casa loro, ingrossano le fila dei
    cervelli in fuga. Se inviti qualcuno di loro per andare
    a protestare in qualche manifestazione a favore di
    un altra cittadina, ti guardano con una faccia, come
    dire, questo come minimo e fuori di testa. Guai ad
    essere solidale con gli altri, manca la solidarietà, il
    senso di sentirsi uniti. Del resto se vai fuori d’Italia
    vedi in ogni dove bandiere che sventolano, in Sicilia
    la bandiera siciliana è quasi sconosciuta, la Sicilia
    vanta sul proprio territorio bellissimi castelli, con
    le torri prive di bandiere siciliane.
    Con il no vincitore al referendum, la Sicilia ha dato
    un segnale positivo, spero che sia di buon auspicio
    per il futuro della nostra terra.

Lascia il tuo commento