29
Set
2016
0

Renzi, Crocetta e PD? Disastrosi. Ma non possiamo affidare la Sicilia ai capricci di Grillo

Per la guida della Regione siciliana serve un’alternativa alla vecchia politica rappresentata dal PD, da Forza Italia, dall’UDC, dagli alfaniani e dalle altre ‘frattaglie’ più o meno trasformiste. Ma quest’alternativa non può essere rappresentata dal Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo. Non lo diciamo noi: lo dicono i fatti. Non soltanto il caos di Roma, ma anche la due giorni di Palermo. Dove i grillini hanno parlato di tutto, ma sulla Sicilia non hanno deciso nulla. Che fare? Intanto siete tutti invitati il 15 Ottobre, a Palermo, al Teatro Jolly. Tema: riprendiamoci il nostro futuro di Siciliani

Ho sempre seguito con interesse misto a preoccupazione il cammino dei 5 Stelle. L’interesse nasceva dalla convinzione che l’azione di smantellamento della vecchia politica italiana portata avanti dai grillini fosse salutare. Un interesse misto a preoccupazione: una preoccupazione che oggi si rafforza per almeno due considerazioni.

La prima: è assai facile demolire e demonizzare un avversario politico mentre è assai più difficile elaborare e costruire un progetto politico quale che sia. Nel caso dei 5 Stelle questo progetto non c’è, nemmeno a livello embrionale. Al di là di slogan e pronunciamenti aggressivi, la “pars construens” non è stata nemmeno abbozzata. Parole d’ordine si, a carrettate.

La parola d’ordine più abusata è onestà, ripetuta due volte. Come se il pronunciarla in coro sia prova di essere onesti e garanzia che saremo e ci comporteremo da onesti. Io non dubito della buona fede di tanti simpatizzanti e dirigenti del Movimento 5 Stelle. Ma mi chiedo: chi dà più garanzie, chi non è mai stato indotto in tentazioni oppure chi, pur essendovi  stato indotto, direi quasi essendoci vissuto, non vi è caduto? Chi da più garanzie, chi ha come  tentazione il taccheggio al supermercato e resiste oppure chi ha gestito miliardi e miliardi di denaro pubblico senza avere mai avuto un solo avviso di garanzia?

Con i ”ti amo” in amore non si vince”, dice un vecchio adagio; con l’onestà gridata non si va da nessuna parte.

La seconda preoccupazione è il deficit di democrazia interno al Movimento che specularmente si riversa all’esterno come deficit di democrazia tout court. Grillo si è ripreso il Movimento. Nessuno che abbia riflettuto sulla gravità di questa affermazione. E che è il Movimento, un giocattolo, prestato ad un coetaneo e subito reclamato?

Grillo ha detto: “Alla fine qualcuno deve prendere delle decisioni (cioè lui). E la democrazia diretta che cos’è? Uno stato d’animo? Cari potenziali elettori del 5 Stelle, non vi fanno paura queste affermazioni? Non vi fanno riflettere le epurazioni che in tanti, che pure hanno vinto regolarmente le elezioni, hanno subito? C’era una volta un tizio che diceva che avrebbe  voluto vivere al tempo dei romani che avevano gli schiavi, senza considerare che lui stesso avrebbe potuto essere uno schiavo! Chi la fa l’aspetti!!

Perché  ostracizzate i vincitori, i propri vincitori ? Questo si chiama stato confusionale, questa si chiama demagogia, si chiama populismo, si chiama qualunquismo, ma si chiama soprattutto inaffidabilità, instabilità, ingovernabilità. Proprio quando fiducia, stabilità e operatività sono valori prioritari.

I 5 Stelle non sanno e non possono governare perché nel loro DNA c’è la protesta, la rabbia, la pancia e il disgusto, tutte cose si nutrono di se stesse e non abbisognano di ragionevolezza, né di un progetto politico logico e coerente.      

L’esatto contrario di ciò  di cui ha urgente e assoluto bisogno la Sicilia. Non abbiamo bisogno di dirvi come Renzi, Crocetta, il PD e gli altri ‘ascari’ che sgovernano la nostra Regione hanno ridotto la nostra Isola: sono cose che, sul nostro blog, purtroppo, leggete ogni giorno.

Quello che ci preoccupa, dell’universo grillino, è la mancanza di una proposta politica e di governo per la Sicilia. In due giorni Grillo, Di Maio, Di Battista, e anche Virginia Raggi hanno parlato di tutto: hanno parlato anche della Sicilia, ma non ci hanno detto qual è il loro progetto politico per la nostra Regione.

Direte: è il loro stile, anche a Roma stanno facendo così. Vero. Ma noi, qui in Sicilia, dopo i danni enormi prodotti dal renzismo, dalla mala politica, dalla Mala signoria, non ci possiamo consentire ancora stagioni di vuoto politico e programmatico.

Di fatto – questo è il vero ‘risultato politico’ per la Sicilia venuto fuori dalla due giorni grillina di Palermo – sul futuro politico della nostra Regione deciderà Beppe Grillo. Punto.

In due giorni di dibattito i grillini – e hanno fatto bene – hanno messo in evidenza lo sfascio, purtroppo reale, dell’Italia di Renzi. Non hanno negato le difficoltà che stanno incontrando là dove hanno cominciato a governare. Ma, al di là di un generico “miglioreremo”, non sono andati.

Ma sulla Sicilia Grillo cos’ha detto, a parte le solite battute estemporanee sulla nostra storia? Nulla.

Virginia Raggi ha detto che i grillini contano di vincere le elezioni comunali di Palermo e poi le elezioni regionali siciliane. Ma né lei, né Grillo – lo ribadiamo – ci hanno detto come pensano di governare la nostra Regione.

Giancarlo Cancelleri – parlamentare di Sala d’Ercole, esponente dei grillini – ha detto che in Sicilia non commetteranno gli errori che sono stati commessi a Roma. Ma, anche lui, non ci ha detto come, con quale personale e sulla base di quale programma politico intenderebbe governare la Sicilia. Anzi no, una cosa l’ha detta, veramente rivoluzionaria: che caccerebbe via volentieri tanti dirigenti generali della Regione. Che finezza!

I grillini sono uomini e donne di buona volontà, questo è sicuro. Sono persone per bene: anche questo è certo (anche se attorno a loro comincia a volare qualche brutto moscone). Ma tutto ciò non basta per governare una Regione complessa come la Sicilia, in un momento storico difficilissimo.

Noi, oggi, lanciamo un appello a tutti i Siciliani che, giustamente, vogliono cambiare l’Italia per liberarla da Renzi e dal renzismo: rimettere tutto in discussione è giusto, ma per la Sicilia serve un supplemento di riflessione, serve andare più  avanti, nella concretezza, non all’avventura.

Degli altri politicanti di casa nostra non mette conto nemmeno parlarne, devono sparire e basta; ma non è neppure  pensabile che la Sicilia sia governata aspettando le decisioni di Grillo e assecondando gli umori di Grillo. Questa sarebbe l’ultima e più devastante deriva dell’ascarismo: essere teleguidati da Genova, attraverso una rete che invece di essere un sussidio della democrazia, diventa un presidio di autoreferenzialità.

Esiste in Sicilia chi può opporsi a questa deriva, chi è in grado di affrontare questa impresa. Diceva Ennio Flaiano: “Noi siamo disposti a fare le barricate, però i mobili ce li debbono mettere gli altri”.

Ebbene, in Sicilia c’è chi è disposto, fuori dalla metafora, a metterci  la faccia, chi lascia agli altri le chiacchiere e i proclami, chi, per sua natura, si occupa di fatti concreti.

Di questo e di altro parleremo a Palermo, la mattina del 15 Ottobre, nei saloni del Teatro Jolly, con inizio alle 00,90. Saremo noi e altri ospiti. Per parlare del futuro del Sud e, soprattutto, della Sicilia.

Vi aspettiamo in tanti. E’ il momento, cari Siciliani, di riprenderci il futuro. Con le nostre mani.

 

 

TAG ARTICOLO

Tags: , , , , , , , , , , ,

Ti potrebbero interessare

Giuseppe Scianò: “La siccità in Sicilia? Puntiamo sugli impianti di desalinizzazione”
Palermo e i senza casa 2/ Stanotte gli sfrattati hanno dormito in Piazza Pretoria
Palermo: buttare venti famiglie in mezzo alla strada? Yes, we can…
I 50 migranti deportati nel Messinese: di scena la politica siciliana che si ‘prostituisce’

10 Responses

  1. lanter

    Condivido pienamente i dubbi espressi nell’articolo. Come scrissi in un precedente commento il Movimento è pur sempre un partito nazionale, quindi la subordinazione al vertice nazionale si ripresenterebbe come si è presentata dal 1947 ad oggi. Si aggiunga una certa carenza di democrazia interna, quando si tira in ballo Rousseau bisogna stare ben attenti, perché la democrazia diretta senza i gruppi intermedi è la peggiore negazione della democrazia.
    Il gruppo dirigente siciliano dei 5 stelle sembrerebbe lontano dall’inettitudine ormai manifestata in re ipsa dalla giunta Raggi.
    Ma la difesa dello Statuto e dell’autonomia finanziaria che ho sentito ad esempio in bellissimi interventi all’ARS da parte di Francesco Cappello o le dichiarazioni dello stesso Cancellieri in una tavola rotonda sulle aspirazioni indipendentiste catalane, saranno ripetute e concretizzate una volta assunte responsabilità di governo regionale soprattutto qualora anche a Roma vi fosse un governo a guida 5 stelle?

  2. lanter

    i siciliani

    Le parole pronunziate nei due video postati lasciano ben sperare. L’importante è che Cancelleri e Cappello continuino a pronunziarle e soprattutto dar loro corpo ( anche se necessario contro Grillo) non solo dall’opposizione ma anche da un futuro probabile governo regionale , in maniera tale che continuino a sentirsi prima siciliani e poi grillini.

    Considerate alcune caratteristiche del movimento ( vedi Pavia) la vigilanza deve essere alta. E a questo serve l’opinione pubblica siciliana che si forma anche attraverso la rete.

    Ad esempio sarebbe un gesto significativo inserire nel simbolo dei 5 stelle siciliani la parola ‘SICILIA’ per dare corpo a qualcosa di più sostanziale, cioè qualcosa di simile a quanto avviene in Germania., dove abbiamo la CDU e in Baviera il partito gemello CSU.

  3. lanter

    Fermo restando che la strada maestra è … sognare.

    I 5 stelle sono nati dal nulla. Anche in Sicilia è venuto il tempo non di partire dal nulla ma di unire tutti i gruppi, movimenti, associazioni varie ( e ve ne sono tante) che vogliono una Sicilia veramente autonoma o indipendente, in un soggetto unitario che possa avere voce ( magari interlocutore dei 5 stelle in una prima fase), cioè un soggetto politico che nel bene della Sicilia veda inizio e fine del suo programma politico.

    Mai come adesso l’operazione è necessaria in quanto è in gioco il futuro di intere generazioni.
    I siciliani nella disperazione sono riusciti a dare il meglio di sé.

  4. antonino

    lunico modo per portare la sicilia fuori dall’italia e affiaerci al partito del prof. costa e di chi si vuole unire ad essso tranne quei partiti che hanno fatto patti con i partiti che rispondo a roma solo cosi’ un giorno potremmo vedere svintuliari la nostra bannera chi havi 734 anni di stori nta tutti li chiazzi siciliani, picchi la sicilia e li siciliani sono stati bene solo quando a governare la nostra patreia e stao un siciliano.w la sicilia libbira e nnipinnenti.

    1. lanter

      Il sogno da realizzare è quello, anzi più che un sogno una necessità fattuale.

      Però dobbiamo fare i conti con la realtà e la realtà vede l’elettorato siciliano dare forza ai 5 stelli. Quindi secondo il mio modo di vedere la strategia deve essere duplice sempre nel superiore bene della Sicilia.

      1. Fare pressione sui 5stelle siciliani a che marchino la loro diversità rispetto al movimento nazionale ( italiano) e ‘inchiodare’ i loro principali esponenti alle parole pronunziate nei due video postati.

      2. Dare vita ad un forum, ad una costituente di tutti i gruppi sicilianisti a che nessuno si senta cooptato ( premettendo che le competenze e la passione del prof. Costa sono una grandissima risorsa come del resto quelle dell’editore che ci ospita) .
      Una sorta di anno zero per l’ideale sicilianista, in cui si mettono da parte i diversi approcci per il fine superiore.
      Una forte unione dei sicilianisti metterebbe anche il fiato sul collo ai 5 stelle.

  5. lanter

    La speranza è che gli elettori siciliani facciano tabula rasa non solo dei vecchi partiti ma soprattutto dei vecchi volti che si ricicleranno sotto qualsiasi altra insegna, dalle liste civiche regionali a improbabili scatoloni elettorali.

    Sempre ANTUDO ma, a differenza di allora, la parola ciciru non basterà.

Lascia il tuo commento